Arte e Cultura +

Il Salone Nautico di Venezia chiude con oltre 30 mila visitatori

Il Salone Nautico di Venezia chiude con oltre 30 mila visitatori
Salone Nautico 2021 Raid Pavia Venezia

Non ha deluso le aspettative la seconda edizione del Salone Nautico di Venezia, che si è conclusa superando i 30 mila visitatori. 160 invece gli espositori presenti durante i nove giorni dell’evento internazionale.
“L’Arte Navale è veramente tornata a casa e i numeri – ha sottolineato il sindaco del capoluogo lagunare Luigi Brugnaro – hanno dimostrato quanto fosse giusta e lungimirante l’idea, fin dal 2018, di ridare alla città l’occasione per mostrare le sue eccellenze nautiche. In questi giorni Venezia è ritornata ad essere regina dei mari nel senso culturale più aperto possibile”.
Sono già decise le date del prossimo Salone, che si svolgerà da sabato 28 maggio a domenica 5 giugno 2022.
A chiudere l’edizione 2021 della manifestazione è stato il 69° Raid Pavia-Venezia, ritornato dopo 10 anni di stop, al quale hanno partecipato un centinaio di equipaggi provenienti da tutto il mondo.
Primo al traguardo il veneziano Gianluca Carli dopo un percorso di 400 km con partenza da Pavia e arrivo in Arsenale.
Il Salone di quest’anno ha affiancato come filo conduttore il tema della sostenibilità ambientale trattato in oltre 30 convegni sia per quanto riguarda la navigazione che costruzione di imbarcazioni. Proprio l’Arsenale, cuore dell’industria navale della Serenissima, è stato il palcoscenico per lanciare Venezia a ruolo di capitale mondiale della sostenibilità.
A Venezia anche la E-Regatta, particolare gara di imbarcazioni elettriche per focalizzare l’attenzione sulla transizione ecologica, che ha visto impegnati i partecipanti in competizioni di manovrabilità a ritmo di musica, ma anche prove di durata e autonomia delle barche. Durante la manifestazione grande protagonista è stata anche la vela, che ha visto la presenza di velisti di fama internazionale al Campionato italiano Micro Class e al Match Race-Trofeo Salone Nautico 2021. Particolarmente emozionante, l’arrivo a Venezia della Prada Cup, esposta per la prima volta in Italia e in pubblico fuori dalla Nuova Zelanda e il racconto dei due componenti del team Luna Rossa Prada Pirelli Max Sirena e Gilberto Nobili dell’esperienza della Coppa America.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.