Salute +

Speranza: quarantena e tampone per chi arriva dalla Gran Bretagna

Speranza: quarantena e tampone per chi arriva dalla Gran Bretagna

Il ministro della Salute annuncia con un post sulla sua pagina Facebook di aver firmato una nuova ordinanza che introduce una quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna.
Questo, a fronte della crescita dei contagi causati dalla variante Delta o variante indiana diventata dominante in Gran Bretagna, dove ha fatto impennare i casi, che hanno superato ieri gli 11.000 nell’arco di 24 ore, la punta massima degli ultimi quattro mesi.
In Italia la diffusione della variante Delta del Covid-19, secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità, è pari all’1%.
Le regioni che ad oggi hanno registrato casi di variante Delta hanno percentuali ancora basse, ma ci sono alcuni focolai in varie zone dell’Italia. In Lombardia la percentuale di casi è pari al 2,5%  in Veneto 1,5%,  in Emilia Romagna 1,2%, in Lazio 3,4%,  in Puglia l’1,1%, in Sardegna 2,9%.
Il presidente dell’Aifa Giorgio Palù, ospite di ‘Buongiorno’su Sky TG24, ha dichiarato che “le parole evocano pensieri e sensazioni, e spesse volte il termine variante è associato a un pericolo imminente ma non è così, si tratta di una naturale evoluzione dei virus. La variante Delta non è che una delle tante di queste varianti che preoccupano e che richiedono la nostra attenzione”
Il tutto mentre in Italia il numero di dosi di vaccino somministrate sono arrivate a un totale di 44.431.586, mentre il numero di persone che hanno terminato il ciclo vaccinale sono 14.998.809.
Per quanto riguarda gli ingressi in Italia dai Paesi dell’Unione Europea, dagli Stati Uniti, dal Canada e dal Giappone sarà obbligatorio aver il Green Pass.
L’ordinanza firmata dal ministro della salute inoltre prolunga il divieto di ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.