Ambiente +

Terremoto oggi: la terra trema ancora

Terremoto oggi: la terra trema ancora
Sismografo in azione

Dopo le recenti scosse del 9 febbraio scorso e quella di magnitudo 3.6 registrata domenica 13 febbraio in Emilia Romagna, in provincia di Reggio Emilia, la terra ha tremato ancora.
Questa volta nel nordest del Friuli Venezia Giulia.
Il movimento tellurico di magnitudo 3.4 della scala Richter è stato registrato dai sismografi alle 3.12 di questa notte tra la Val Alba e la Val Dogna. Secondo quanto ha rilevato l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) l’epicentro è stato registrato nel comune di Dogna, in provincia di Udine con una profondità stimata di circa 10.0 km.

I dettagli del sisma e altre scosse in Italia oggi

Il sisma in Friuli Venezia Giulia si è verificato a 43 km da Udine e 71 da Pordenone. Fortunatamente senza recare danni a persone e cose è stato avvertito nei comuni Moggio Udinese e Chiusaforte a 6 km dall’epicentro, a Riesutta, che dista 7 km da Dogna, Pontebba 8 e Resia 9 km.

Terremoto registrato in Friuli Venezia Giulia (@INGV)

Nella giornata del 15 febbraio la terra ha tremato non solo in Friuli.
Alle 6.40 al largo della Costa Calabra Nord Occidentale (Cosenza) si è registrato un sisma di magnitudo 2.0, ipocentro profondo 17 km.
Altro terremoto alle 1.42, sempre di magnitudo 2.0 invece nel salernitano, ipocentro profondo 19 km, ad Atena Lucana.
Il movimento tellurico è avvenuto a 29 km da Potenza e 53 da Battipaglia.
Ancora nella giornata di oggi martedì 15 febbraio l’INGV ha rilevato altre scosse strumentali vale a dire avvertite solo dai sismografi. Le più rilevanti sono state alle ore 1.03 a Brienza, in provincia di Potenza di intensità 1.5; alle 5.36 sisma di magnitudo 1.4 nella Costa Calabra Nord Orientale (Messina).

Terremoto registrato nella Costa calabra nord occidentale (@INGV)

La percezione dei terremoti, impossibile prevederli con certezza

Quando la terra trema sicuramente scatta la paura, ma quale magnitudo è percepibile?
La magnitudo è la grandezza strumentale che caratterizza in modo oggettivo l’entità del fenomeno sismico. I terremoti si percepiscono in maniera diffusa a partire da una magnitudo 3. Per quelli tra 4 e 5 il raggio in cui possono essere avvertiti va da 100 a 200 metri. Si estende invece a diverse centinaia di km a partire dalla magnitudo 5.

Il terremoto più forte di sempre con epicentro in Italia è stato registrato l’11 gennaio 1693 con magnitudo 7.32 in Sicilia sud orientale.
La mappa dei terremoti nel sito INGV dall’anno 1000 al 2006 ci dice che spesso avvengono in zone già in passato colpite. Per quanto riguarda la nostra nazione, i fenomeni più intensi si sono verificati in Sicilia, nelle Alpi orientali e lungo gli Appennini centro-meridionali dall’Abruzzo alla Calabria. Terremoti importanti si sono verificati anche nell’Appennino centro-settentrionale e nel Gargano.

Squadre dei Vigili del Fuoco in azione per un terremoto

Pur se al giorno d’oggi molto si sa sui terremoti, quando avverrà la prossima scossa è ancora impossibile prevederlo con certezza. Gli studi sul tema ci dicono però conosciamo quali sono le zone più pericolose. Il rischio sismico maggiore con rischio alto (zona 1) è in Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Umbria, Molise, Campania, Sicilia. Nella zona 2 di rischio medio – alto troviamo Emilia Romagna, Lazio, Marche, Puglia e Basilicata. Infine in zona 3 con rischio medi – basso Lombardia, Toscana, Liguria, Piemonte.

Silvia Bolognini

Leggi anche:

Terremoto oggi: sciame sismico in Emilia e in Campania

 

Terremoto in Calabria: tanta paura, treni bloccati

Terremoto alle Eolie, eruzione dello Stromboli e fuoriuscite di gas da Vulcano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  terremoto

Leggi anche: