Venezia, l’eterno enigma

Recenti scavi potrebbero sfatare la leggenda sulle origini della città

Vorremmo saperlo tutti: quanti anni ha Venezia? Quando si sono insediate le prime comunità, in quale area della laguna hanno scelto di vivere all’inizio i primi veneziani, come si sono organizzati?

Tradizione e leggenda ci fanno collocare la nascita di Venezia in quel di Rivus Altus, dove il 25 marzo 421 sarebbe stata edificata la chiesa di San Giacometo, ma sappiamo bene che non è andata così: quella chiesa, in realtà, è stata eretta nel 1100, dopo la stessa basilica di San Marco, consacrata nell’828 d.C.

Dunque si parte da qui? Non proprio. Un recente studio fa infatti  risalire  la nascita di Venezia a circa due secoli prima la stessa edificazione di San Marco. Il tutto deriva da uno scavo dal quale sono emersi… due noccioli di pesca. 

Potrebbero sembrare ritrovamenti insignificanti. Di fatto, possono sfatare la leggenda sulle origini della città.

Venezia negli ultimi 20 anni è stata interessata da un numero inedito di scavi.  Ancora non c’è una narrazione archeologica che li accomuni tutti.  Il Metropolitano ha cercato di disegnare un breve excursus alla ricerca dei ritrovamenti più interessanti o particolari.

Tra questi ultimi, di sicuro risulta curiosa la storia della “donna con il mattone in bocca”.

Ma la domanda iniziale ritorna: quando è nata Venezia?

Scavi e ritrovamenti riusciranno  a darci nuove risposte o la Vecchia Signora resterà un eterno enigma?

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: