Politica +

Guerra: nuove sanzioni alla Russia, una lista nera anche per l'UE

Guerra: nuove sanzioni alla Russia, una lista nera anche per l'UE

L’inasprirsi del conflitto tra Russia e Ucraina sta portando il Consiglio dell’Unione Europea ad avviare un sempre più vasto programma di misure contro l’economia russa anche con la disposizione di provvedimenti “ad personam”.
Altri 160 nomi sono stati infatti aggiunti alla black list UE nei confronti di chi si è reso responsabile o ha contribuito all’attacco contro l’Ucraina.
Intanto, in occasione de vertice del Consiglio Europeo a Versailles, in Francia,  i leader si sono detti “pronti” a “muoversi velocemente con ulteriori sanzioni” contro la Russia, che sta “infliggendo inenarrabili sofferenze alla popolazione ucraina”. La Bielorussia viene definita “complice” dell’aggressione russa.

Nuove sanzioni alla Russia

La nuova black list prevede il congelamento dei beni e il divieto di viaggio nei Paesi dell’Unione di quanti avrebbero un ruolo economico significativo nel sostenere il regime di Putin e beneficiano finanziariamente del sistema. L’elenco è composto da 14 oligarchi e importanti uomini d’affari coinvolti in settori economici chiave quali metallurgico, agricolo, farmaceutico, delle telecomunicazioni e digitale, che forniscono una sostanziale fonte di reddito alla Federazione Russa.

draghi senato

Una nuova lista che va ad integrare quella di oligarchi già coinvolti nei settori del petrolio, del gas, delle banche, dei media e dei trasporti decisi dal Consiglio UE il 23 e 28 febbraio scorsi. Restrizioni anche per 146 membri del Consiglio della Federazione Russa che hanno ratificato le decisioni del Governo del “Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza” tra la Federazione Russa e le Repubbliche popolari di Donetsk e Lagansk. Sono coinvolti in totale 862 persone e 53 entità. 

Che cosa comportano le sanzioni

Le restrizioni riguardano poi l’accesso al sistema di pagamenti internazionale e riguardano ora anche le banche bielorusse Belagroprombank, Bank Dabrabyt e la Development Bank.
Sono poi vietate le transizioni con la Banca centrale della Bielorussia sulla gestione di riserve o attività e la fornitura di finanziamenti pubblici per il commercio e gli investimenti nel Paese. Sono anche vietati ai cittadini in Bielorussia depositi in UE superiori ai 100 mila euro.
Per la Russia, l’aggiornamento sulle sanzioni introduce nuove restrizioni all’esportazione nella navigazione marittima e nelle tecnologie di comunicazione radio.

1,4 mld di dollari all’Ucraina dal FMI

Da parte sua, il Fondo Monetario Internazionale ha approvato un pacchetto di aiuti urgenti per il territorio ucraino martoriato dal conflitto.
Per far fronte all’emergenza potrà contare su un fondo di 1,4 miliardi di dollari.
«Questo aiuto immediato – si legge in un comunicato del Fmi – dovrebbe consentire al governo di soddisfare le esigenze di bilancio derivanti dagli effetti della guerra e fornire un sostegno essenziale a breve termine».

sanzioni
Un palazzo bombardato in Ucraina

Le conseguenze economiche sull’Europa

«La guerra in Ucraina – ha dichiarato durante il vertice in corso il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis – porterà un aumento dell’inflazione, una maggiore pressione sui prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari e una volatilità del mercato. Ci sarà un forte impatto sulla crescita ma i nostri fondamenti economici sono forti. Per fare fronte all’attuale emergenza, la Commissione esaminerà tutte le possibili opzioni per limitare l’effetto contagio dei prezzi del gas su quelli dell’elettricità, come limiti di prezzo temporanei». Le novità arriveranno nelle prossime settimane dopo il consulto con tutti gli attori interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Leggi anche: