Turismo +

Dalle Alpi al Mediterraneo: in viaggio tra i Parchi e i Giardini italiani

Dalle Alpi al Mediterraneo: in viaggio tra i Parchi e i Giardini italiani
oasi zegna @ Oasi Zegna

In questo periodo forse è naturale sognare mete esotiche e spiagge caraibiche. Ma se vi dicessimo che proprio dietro l’angolo ci sono tantissimi spazi verdi dove potersi sedere all’ombra di alberi secolari e rilassarsi in piena libertà? Sono i 200 Parchi e Giardini della Garden Route Italia, universi meravigliosi da scoprire appena arriverà la bella stagione, attraversando l’Italia dalle Alpi al Mediterraneo

Il progetto Garden Route Italia

Ce ne sono di famosissimi, come il Parco Sigurtà a Valeggio sul Mincio, Villa Carlotta a Como, il Giardino di Ninfa a Cisterna di Latina e la Reggia di Caserta. Ma ci sono tante altre perle nascoste a testimonianza della bellezza e dell’integrazione armonica tra natura e paesaggi plasmati dall’uomo. Stiamo parlando dei Parchi e Giardini Italiani che fanno parte della Garden Route Italia, il progetto voluto dall’APGI (Associazione Parchi e Giardini Italiani) che raccoglie in un portale 200 “perle verdi” di cui si vuole rilanciare la fruizione culturale e turistica per il loro alto valore storico, artistico, botanico e paesaggistico.

Trenta itinerari per una vacanza green

Dai giardini esoterici a quelli alpini, dagli orti botanici ai labirinti, fino a quelli della mediterraneità siciliana: c’è davvero l’imbarazzo della scelta nei 30 itinerari proposti dal portale Garden Route Italia. Luoghi  che ci accompagnano alla scoperta di specie botaniche provenienti da ogni parte del mondo e inserite armoniosamente in contesti paesaggistici magnificamente conservati, tra architetture antiche e moderne. Il portale è in continuo aggiornamento e molti altri giardini si aggiungeranno ai duecento già presenti sulla base di 5 criteri che valutano tra l’altro l’integrità del rapporto con il contesto paesaggistico e la presenza di standard elevati di accoglienza, di accessibilità e dei servizi offerti.

Particolare delle Peschiere del Decumano o "Viale delle Peschiere" o "Teatro d'acqua" del Giardino di Valsanzibio @Tenuta Valsanzibio srl
Particolare delle Peschiere del Decumano o “Viale delle Peschiere” o “Teatro d’acqua” del Giardino di Valsanzibio @Tenuta Valsanzibio srl

Sulle orme di Goethe

Ve lo ricordate Goethe e il suo “Viaggio in Italia”? Nei suoi due anni di girovagare per il nostro Bel Paese, lo scrittore tedesco resta ammirato da monumenti, opere d’arte ma anche dai tanti paradisi verdi che incontra da nord a sud. Ed è questo il fil rouge dell’itinerario “Sulle Orme di Goethe”, un viaggio  alla scoperta delle bellezze naturalistiche raccontate nel suo famoso diario: dall’Orto Botanico di Padova, patrimonio UNESCO, con la sua varietà di piante sconosciute, tra cui la famosa palma nana del 1585, ai Giardini di Villa Doria Pamphili di Roma, fino al Parco del Real Sito di Capodimonte a Napoli.

Giardini d’autore del ‘900

Un altro interessante itinerario della Garden Route Italia è quello dedicato ai giardini e ai parchi progettati nel Novecento. Come l’Oasi Zegna, a Valdilana di Biella, in Piemonte. Un complesso nato dalla visione dell’industriale Ermenegildo Zegna, che negli anni ‘30 del secolo scorso volle creare “non un giardino, non un parco, ma un eccezionale percorso che offre paesaggi sempre diversi, tra valli, santuari, soste gastronomiche, boschi, torrenti, fioriture”. O ancora la Scarzuola a Montegabbione di Terni, in Umbria, dove l’architetto Tommaso Buzzi ha voluto realizzare il proprio sogno di città ideale, un “compendio di arte dei giardini, un trattato di architettura fantastica, un percorso di iniziazione verso la conoscenza della propria anima”.

Scarzuola città ideale
Montegabbione: Scarzuola

Garden tourism

Quello che all’estero è conosciuto col nome di “garden tourism” in Italia è il cosiddetto “andar per parchi e giardini”, una forma di turismo che nel nostro Paese ha fatto un po’ di fatica ad affermarsi.
Ma dallo scorso anno, complice purtroppo la pandemia, gli italiani hanno riscoperto in massa le bellezze vicino a casa e si sono riappropriati di spazi verdi poco noti se non addirittura sconosciuti. Così parchi, giardini e orti inseriti nei loro contesti originari come ville, dimore storiche e castelli stanno riscuotendo sempre più successo.

Luisa Quinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  Giardini

Potrebbe interessarti anche:

Il Giardino veneto dedicato a Dio, un capolavoro di Luigi Bernini

E' nato grazie a un voto solenne che un nobile veneziano fece a Dio all'inizio del 1600, quando la peste imperversava mietendo centinaia di migliaia di vittime. Ancor oggi, è uno dei giardini d'epoca più belli d'Italia e d'Europa. Valsanzibio si […]

Il Giardino veneto dedicato a Dio, un capolavoro di Luigi Bernini

Venezia e i suoi giardini. Tra mille profumi e colori

Alla scoperta degli spazi verdi in centro storico e nelle isole  Mai come in questo periodo ognuno di noi avverte la necessità di trovare momenti di benessere psicologico che aiuti ad affrontare la difficile situazione. A casa, nel rispetto del de […]

Venezia e i suoi giardini. Tra mille profumi e colori