Case pubbliche: da oggi il bando per l’assegnazione

case a Mestre
Nella foto in alto: case a Mestre

Sono aperti da oggi i bandi per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica
Sono complessivamente 325 gli alloggi disponibili. Le graduatorie andranno ad assegnare inizialmente 84 abitazioni Erp distribuite tra il centro storico di Venezia, le isole e la terraferma veneziana. Successivamente riguarderanno ulteriori 241 alloggi Ater che saranno man mano messi a disposizione.

I bandi sono due e due saranno le gradutorie, a seconda che si scelga di partecipare al concorso per l’assegnazione di un’abitazione nella città storica o in terraferma.
Sono aperti ai nuclei familiari composti da coniugi o anche da conviventi o da una sola persona con i figli legittimi riconosciuti e/o adottivi.
Un ambito territoriale, però, esclude tassativamente l’altro.
Non solo per la prima volta le graduatorie saranno distinte ma, secondo quanto previsto dagli indirizzi approvati con la delibera recentemente passata anche al Consiglio, i veneziani di lungo corso avranno maggiori chances.
In sostanza, a seconda del periodo di residenza (dai 15 ai 25 anni o oltre) si potranno ottenere da 2 a 8 punti aggiuntivi rispetto a quelli già di diritto.

Come partecipare ai bandi

Le domande vanno presentate dal 10 giugno al 24 luglio 2019. Sono due i canali di accesso per la presentazione delle domande di partecipazione. La prima procedura è online, accedendo a DIME nella sezione Servizi al Cittadino/Sociale/Bandi di locazione pubblica.
Per accedere (al sito https://dime.comune.venezia.it/servizio/bandi-locazione) è necessario inserire le proprie credenziali SPID, il sistema pubblico di identità digitale.

In alternativa, la domanda può essere presentata su appuntamento agli uffici di Insula (Santa Croce 482).
Per informazioni e appuntamenti, si può chiamare il numero 041041 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, dal lunedì al venerdì.
Chi ha già presentato istanza nel bando precedente e gli assegnatari di alloggi pubblici a titolo provvisorio devono comunque presentare nuova domanda.
Nell’assegnazione dei punteggi, saranno prese in considerazioni condizioni sia soggettive che oggettive.
Tra le prime, la presenza nel nucleo familiare di persone over 65, disabili o figli a carico. Tra quelle oggettive, le condizioni abitative improprie, con massimo punteggio assegnato alla mancanza di alloggio da almeno un anno.
La prima graduatoria sarà formata dal Comune entro 180 giorni dalla scadenza del bando. Quella definitiva, redatta tenendo conto dei ricorsi decisi, dovrà essere approvata entro 15 giorni dal ricevimento delle decisioni della Commissione Alloggi.

I requisiti richiesti

Il Bando prevede due sotto ambiti: “Venezia centro storico e isole” e “Terraferma veneziana”. È consentito partecipare solo a uno dei due sotto ambiti.

Case a Venezia

Possono partecipare i cittadini italiani, quelli di Stati dell’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia e i loro familiari, i titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. E, ancora, i titolari degli status di rifugiato e di protezione sussidiaria e gli stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro, subordinato o autonomo.

Abitazioni a Venezia

I richiedenti, inoltre, devono avere residenza anagrafica in Veneto da almeno cinque anni, durante i quali non devono essere stati condannati per il reato di “invasione di terreni o edifici”. Non devono essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione “su immobili adeguati alle esigenze del nucleo familiare ubicati nel territorio nazionale o all’estero”. Non devono essere assegnatari in proprietà, immediata o futura, di un alloggio realizzato con contributi pubblici e non devono aver avuto precedenti finanziamenti pubblici di edilizia agevolata.
La situazione economica del nucleo familiare, rappresentata dall’ISEE-ERP, deve avere un valore non superiore a 20.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter