Piazzale Roma, Venezia: aumentano i parcheggi al San Marco

Venezia, Piazzale Roma

C’è un’area di Piazzale Roma pronta a cambiare aspetto.
E’ quella adiacente al Garage San Marco, dove si trova la vecchia torre piezometrica di Sant’Andrea e la cisterna ottocentesca che per un decennio hanno catalizzato progetti e decisioni, chiamando in causa anche Soprintendenza, Tar e il Consiglio di Stato.
L’annosa vicenda si è conclusa in questi giorni e, con l’approvazione della Giunta comunale alla realizzazione del progetto del noto architetto e designer Mario Cucinella  (considerato un’archistar soprattutto dopo aver vinto per due volte consecutive (2009 e 2011) il prestigioso premio MIPIM nella categoria green building)  la vecchia torre sarà abbattuta.

Nuovi posti auto, nuovi posti di lavoro

Nei 13 mila metri quadrati dell’area sorgerà infatti la nuova ala del Garage San Marco.
451 posti auto e numerosi posti di lavoro in più.
Il progetto iniziale prevedeva l’allargamento del San Marco con una nuova costruzione alta dieci piani.
Oggi sarà da ricalibrare sulla base delle nuove prescrizioni ma, entro l’estate, quando a esprimersi sarà anche il Consiglio comunale, sarà reso noto.
Quel che è certo è che con l’ampliamento il Garage San Marco arriverà a offrire complessivamente 1286 posti auto. Tra i nuovi 451 comunque 101 saranno riservati alla Cittadella della Giustizia (39), a Veritas (42) e al Comune (20). L’ampliamento sarà in aderenza all’edificio esistente e prevede una tettoia fotovoltaica e un ampio numero di colonnine per la ricarica elettrica delle auto.

Il Garage San Marco e i nuovi parcheggi

Noto anche come “parcheggio dell’arte” per la Street-Art proposta lungo le  rampe d’accesso e per le varie convenzioni con le istituzioni museali cittadine, il Garage San Marco è un punto di riferimento soprattutto per i veneziani.


Fu voluto dall’imprenditore veneziano Luigi Jarach, che aveva individuato nello spazio tra la Manifattura Tabacchi e l’area dell’Acquedotto, dove gli edifici erano stati bombardati nel corso della seconda guerra mondiale, la superficie giusta per concretizzare il suo progetto. Attivo dal 1954, fu concepito come una struttura complementare all’ Autorimessa comunale inaugurata appena tre anni prima.
L’autorimessa Littoria, così si chiamava in origine il Garage Comunale, era una delle più grandi d’Europa.
Jarach comprese subito però che, nonostante i suoi 2200 posti auto disponibili, non sarebbe stata sufficiente.
Rappresentava una rivoluzione all’epoca. Offriva spazi innovativi e ridisegnava un’area, quella di Piazzale Roma, conferendogli una nuova identità.

Piazzale Roma

La principale porta d’accesso a Venezia si è configurata nella sua nuova funzione già con la creazione della Ferrovia e la costruzione del Ponte della Libertà. Piazzale Roma fu inaugurato infatti nel 1933. Era il giorno di San Marco, quindi il 25 aprile e per quasi un ventennio rimase un parcheggio a cielo aperto. Finché, nel 1951 nacque l’Autorimessa del Littorio e, nel 1954, il Garage San Marco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: