Salute +

Alle Molinette di Torino salvato 41enne con un cuore dalla Transilvania

Alle Molinette di Torino salvato 41enne con un cuore dalla Transilvania

Si è salvato grazie a un cuore arrivato da 1.400 chilometri di distanza, precisamente dalla regione della Transilvania in Romania Centrale.
L’evento eccezionale è accaduto nel Centro Trapianti di Cuore dell’Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, diretto dal professor Mauro Rinaldi.
A ricevere il prezioso dono, un uomo di 41 anni trasferito il giorno stesso del trapianto dall’Ospedale San Martino di Genova. Per il paziente, che soffriva di una grave miocardia fulminante rilevata all’inizio di agosto, si era reso necessario l’impianto di un sistema di assistenza cardiocircolatoria e respiratoria (ECMO).
Purtroppo, a dieci giorni dalla sua applicazione, il sistema non aveva permesso un recupero della funzione cardiaca e per questo i sanitari l’avevano inserito nella lista dei trapianti in urgenza.
Dopo circa un paio di ore, la notizia che gli ha salvato la vita.
E’ stata infatti segnalata la disponibilità del cuore di un donatore di 29 anni deceduto per emorragia cerebrale in Transilvania.
A quel punto il Coordinamento Regionale Trapianti del Piemonte – diretto dal professor Antonio Amoroso – e il Centro Nazionale Trapianti di Roma – diretto dl dottor Massimo Cardillo -, si sono immediatamente attivati e un’équipe delle Molinette è partita per il prelievo del cuore con un volo dedicato. Alle due della notte, confermata l’idoneità dell’organo si è proceduto con l’operazione. Il trapianto eseguito dal professor Massimo Boffini è durato oltre 8 ore e il cuore ha ricominciato a battere nel corpo del 41 enne che l’ha ricevuto. Secondo quanto riferisce il team medico delle Molinette, il paziente dopo l’operazione sta bene. Al momento è ricoverato in Cardio – Rianimazione ma presto sarà trasferito in reparto.
Non è la prima volta che nel nosocomio torinese, che risulta al 15° posto nella classifica dei migliori ospedali italiani, si eseguono interventi chirurgici all’avanguardia.
Lo scorso marzo, un trapianto miracoloso di fegato ha salvato la vita a un bambino di soli tre anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.