Ambiente +

Sulla Luna un reattore nucleare della NASA

Sulla Luna un reattore nucleare della NASA

E’ ufficiale la realizzazione, sulla luna, di un reattore nucleare a fissione che permetterebbe potenzialmente di avere a disposizione una potente fonte di energia in grado di rendere autosufficienti le future strutture realizzate nel nostro satellite.
Il progetto per la costruzione, al vaglio della NASA, prevede lo sviluppo di un nocciolo del reattore alimentato ad uranio, un sistema per convertire l’energia nucleare in energia utilizzabile, un sistema di gestione termica per mantenere a basse temperature il reattore e un sistema di distribuzione che fornisca non meno di 40 kilowatt di energia, sufficiente per 10 anni. Ma in che modo fare questo?
Per realizzare un impianto di questo tipo l’Agenzia Spaziale cerca potenziali partner privati che dovranno presentare le loro richieste di offerta entro il 19 febbraio.
Il reattore dovrebbe essere ad ogni modo realizzato sulla Terra e poi trasferito sulla luna tenendo conto di non poche questioni, a partire dagli sbalzi di temperatura che vi sono sul pianeta fino alla solidità che dovrà avere per resistere al viaggio. C’è poi la necessità che il sistema sia in grado di accendersi e spegnersi senza l’assistenza umana, di essere azionato da un lander lunare e di poter funzionare su un sistema mobile per essere trasportato durante le operazioni. Secondo gli esperti,inoltre, devono essere seguiti dei precisi parametri.
Il reattore sarà lanciato con un razzo e per questo dovrà stare all’interno di un cilindro di 4 metri di diametro e 6 di lunghezza e non pesare più di 6.000 kg. Come spiegano gli esperti della Nasa e dell’Idaho National Laboratory del dipartimento dell’Energia, avere un certo livello di abbondanza di energia è fondamentale per l’esplorazione futura dello spazio. I sistemi di alimentazione basati sulla fissione nucleare dovrebbero apportare diversi vantaggi rispetto ad altre soluzioni e potrebbero essere usati, nel caso in cui l’obiettivo si raggiunga sulla luna, anche su Marte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.