M9 Urban Landscape: gli studenti progettano la propria città ideale

le palazzine ecologiche progettate virtualmente dalla classe 2a D del liceo Galileo Galilei di Dolo
Nella foto in alto: le palazzine ecologiche del progetto virtuale realizzato dalla classe 2a D del liceo Galileo Galilei di Dolo

Tra i vincitori del Contest internazionale promosso da M9 District, alcune scuole del nostro territorio

 

M9 District premia i giovani progettisti virtuali che hanno lavorato sui temi legati alla riqualificazione urbana.
4024 studenti tra gli 8 e i 16 anni hanno dato sfogo alla fantasia al computer per progettare la città sostenibile di domani.
L’atto finale del Contest Urban Landscape ha visto riunite in M9, per la premiazione, 400 persone tra alunni, insegnanti e famiglie.

Orange Building, uno dei progetti vincitori di M9 Urban Landscape presentato dalla classe 2a C del liceo Galileo Galilei di Dolo

“I partecipanti si sono confrontati in un progetto di didattica in forma di gioco – ha spiegato il consigliere delegato all’ Innovazione e alla Smart City del Comune di Venezia Luca Battistella – che ha premiato alcune delle scuole vincitrici. M9 Contest Urban Landscape sottolinea l’importanza dei temi legati alla riqualificazione urbana. L’obiettivo era anche quello di permettere ai ragazzi di imparare attraverso il gioco, acquisendo competenze digitali, sviluppando creatività e capacità collaborativa e di risolvere i problemi. Queste sono capacità sempre più richieste nel mercato del lavoro”.

I progetti vincitori

Tra i vincitori del Contest ci sono due classi del liceo Galileo Galilei di Dolo, due scuole di Mestre, una di Salzano e una di San Donà di Piave.
“La partecipazione a questo concorso – sottolinea l’insegnante di scienze applicate del liceo Galileo Galilei di Dolo, Valentino Pietrobon – è stata una grande emozione per i ragazzi della 2° C e 2° D che hanno vinto rispettivamente il secondo e terzo premio.

La classe 2a D del liceo Galileo Galilei di Dolo, terza classificata al concorso
Residence, progetto della classe 2a C del liceo Galileo Galilei di Dolo

I nostri progetti di città attorno ad M9 si sono  sviluppati con particolare riguardo ai mezzi di trasporto – una metropolitana sopraelevata – per ridurre il traffico dei mezzi privati nel centro urbano; abitazioni con pannelli solari, celle fotovoltaiche; riscaldamento geotermico; piccole serre e tanto verde”.

Il Contest Urban Landscape

M9 Urban Landscape è stato lanciato lo scorso marzo e ha coinvolto 188 classi.
Di queste 161 sono state le partecipazioni italiane, 27 quelle europee ed extraeuropee per un totale di 4024 studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado a livello regionale, nazionale, internazionale.
L’iniziativa si è sviluppata attraverso l’utilizzo della piattaforma Microsoft “Minecraft – Education Edition”.

M9, il consigliere delegato all’Innovazione e Smart City del Comune di Venezia Luca Battistella

Come chiedeva il concorso, i partecipanti, di età compresa tra 8 e 16 anni, partendo dalla ricostruzione verosimile dell’intero progetto M9, hanno creato virtualmente la loro città ideale con edifici e servizi rispondenti alle loro necessità.
I criteri di valutazione della giuria sono stati la coerenza con i principi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, la particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, la modalità di lavoro nel corso della progettazione didattica, la chiarezza espositiva nella stesura relazione, i particolari, la complessità architettonica della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter