Ambiente +

L’Italia ritorna nella morsa del caldo

L’Italia ritorna nella morsa del caldo

Dopo qualche giornata con temperature più accettabili in Settentrione, ritornerà a salire la colonnina del mercurio.
I violenti temporali che hanno attraversato il Nord Italia lasceranno il posto ad una nuova ondata di grande caldo. E i termometri arriveranno a segnare temperature massime fino a 42 gradi.
Il picco è previsto tra mercoledì e venerdì e si farà sentire soprattutto in Centro e Sud della penisola e le isole.
In città come Bologna, Firenze, Roma, Terni, Perugia, Chieti, Campobasso e Macerata si potranno toccare 36 – 38° C. Il caldo record toccherà alla Puglia con le città di Matera e Foggia che, secondo le previsioni, toccheranno i 41 – 42 gradi. Leggermente migliore la situazione al Nord dove non si supereranno 34 gradi.
Ci sarà però molta afa ad accentuare il disagio.
Già da martedì l’Anticiclone Nord Africano tornerà ad interessare l’Italia e la massa d’aria sub-tropicale che lo accompagna darà il via alla seconda intensa ondata di caldo.
In questo scenario le precipitazioni resteranno scarse o del tutto assenti su gran parte del Paese, con la sola eccezione dei settori alpini. Nella giornata di mercoledì 7 luglio ci sarà la possibilità di temporali sulle Alpi centro-occidentali, sulla pianura piemontese e sulle Prealpi lombarde.
Il Nord dell’Italia infatti nel corso della settimana verrà lambito dalle code delle perturbazioni in transito sull’Europa centrale. Per questo ci sarà maggiore instabilità con possibili temporali soprattutto nelle zone alpine ma localmente anche nelle aree di pianura.
Come sempre, con l’arrivo del gran caldo si raccomanda di seguire alcuni accorgimenti per evitare effetti negativi sulla salute: bere molto, consumare pasti leggeri e uscire nelle ore meno calde, evitando quindi la fascia tra le 11 e le 18, con abbigliamento in materiale naturale come lino e cotone che lasci traspirare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Leggi anche: