Turismo +

L'Italia di nuovo il più bel giardino d'Europa. Il turismo riprende quota

L'Italia di nuovo il più bel giardino d'Europa. Il turismo riprende quota

L’indagine di Confturismo-Confcommercio: sono soprattutto Brasiliani e Statunitensi a scegliere il Bel Paese per una vacanza in Europa

I numeri restano ancora inferiori al 2019, ma il turismo internazionale è ufficialmente ripartito. E i viaggiatori stranieri hanno ripreso a guardare all’Italia come una delle mete preferite. Con le grandi città d’arte al top, seguite dalle principali località di villeggiatura.
In particolare, come evidenzia l’indagine realizzata dall’Istituto Piepoli per Confturismo-Confcommercio, che sarà illustrata in un convegno al TTG di Rimini dal 12 al 14 ottobre, sono i turisti provenienti in Europa da oltre oceano a scegliere il nostro Paese come destinazione.

Brasiliani e Americani al top

L’indagine si è concentrata in particolare su un campione rappresentativo di viaggiatori provenienti dalle 5 Nazioni (Brasile, Usa, Francia, Germania e Regno Unito) che, da sole, prima del Covid totalizzavano più del 42% e del 50% di presenze e spesa dei turisti stranieri in Italia.

città italiane
La quota più alta, l’88%, di coloro che, tra le destinazioni europee, scelgono l’Italia è quella relativa ai Brasiliani, che però hanno diminuito del -38% i propri viaggi totali rispetto al 2019. È così il mercato statunitense, sottolinea la ricerca, a trainare maggiormente la ripresa, con una perdita del -19%.
Il 75% degli Americani in vacanza in Europa si è fermato nel Bel Paese.

Dall’Europa all’Italia

È in ogni caso elevata anche la percentuale dei turisti degli altri 3 principali grandi Paesi europei che hanno scelto una destinazione italiana, viaggiando nel 50% dei casi in coppia e per il 25% del totale con la famiglia. Si arriva al 74% per i Francesi, che, nel confronto col periodo pre-pandemico, hanno contenuto la riduzione di viaggi effettuati al -22%.
Seguono i Tedeschi, che pure hanno diminuito il totale di viaggi del -31%. 7 su 10 tra coloro che hanno varcato i confini della Germania per un viaggio all’estero lo hanno fatto in direzione dell’Italia. Infine gli Inglesi, che comunque si fermano a un soddisfacente 65% di turisti venuti da noi, nonostante una riduzione complessiva del 27% di viaggi effettuati.

In Italia: dove e perché

Sul podio delle destinazioni italiane più gettonate dagli stranieri si collocano le classiche Roma (1^), Firenze (2^) e Venezia (3^).
Un’altra città d’arte, Pisa, è 4^, seguita da altre due grandi metropoli nostrane: Milano (5^) e Napoli (6^).
Bene, sottolinea l’indagine, anche mete come Sicilia, Costiera Amalfitana, lago di Como e lago di Garda.
L’Italia, spiegano i sondaggisti, viene scelta perché “interessante, accogliene e sicura”.
Cibo e cultura sono tra i punti forti, l’accoglienza viene invece vista da alcuni come “must” e da altri come aspetto negativo, insieme ai costi, del viaggio e delle attrazioni culturali, alle infrastrutture e alla pulizia.

turismo
Firenze

Il futuro del turismo: alcune riflessioni

La scelta della destinazione per tutti i turisti internazionali è determinata dal rapporto qualità-prezzo, poi vengono l’interesse per la cultura, il comfort e la facilità di raggiungimento. Attenti agli aspetti paesaggistici sono principalmente Tedeschi e Francesi, con questi ultimi al contrario ben poco interessati (7% del totale, contro una media tra il 15% e il 23% degli altri Paesi) ai percorsi enogastronomici.
Chi invece, pur viaggiando in Europa, non ha scelto l’Italia lo ha fatto perché l’ha già visitata, pensa di farlo in futuro e, soprattutto per i giovani tra i 18 e i 34 anni, perché ritenuta una meta costosa. Fa riflettere anche il 42% di Inglesi che guardano alla Spagna, dove ad esempio c’è una maggior attenzione al turismo della “silver age”.

Alberto Minazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  viaggi