fbpx

Contributi danni per acqua alta: operativi in tutta Venezia e isole gli sportelli per le richieste

Obbligatoria la prenotazione allo 041041. Compilazione modulistica nel sito www.commissariodelegato.venezia.it

600 pratiche arrivate alle 12 di oggi. 300 in più rispetto a ieri.  Sono attivi da ieri in tutta la città e isole gli sportelli per l’assistenza alla richiesta di contributo per i danni causati dall’acqua alta. Gli operatori hanno ricevuto e aiutato i primi cittadini che avevano preso appuntamento nei giorni scorsi. Nei sette punti informativi che si trovano nella sede del Comune a Cà Farsetti, a Pellestrina, Murano, Burano, Lido, Piazzale Roma e nella sede Urp in via Spalti a Mestre il personale addetto è pronto ad accogliere le domande che stanno arrivando numerose.

Lo sportello per la richiesta contributi acqua alta a Venezia, Cà Farsetti

Ieri erano in attività 23 operatori e alle 16 si contavano 300 domande. Un numero che aumenta di ora in ora. Sono migliaia i cittadini che, passata l’emergenza, stanno ora facendo i conti nel vero senso della parola, con i danni subiti. Per snellire i tempi si sono resi disponibili anche i Caf, che hanno allestito 60 sedi, le associazioni di categoria per le imprese e gli ordini professionali per i liberi professionisti.

I numeri delle richieste

Il numero delle pratiche presentate è arrivato a 600 per un importo totale di euro 1.301,980 mettendo assieme le lettere C – che riguarda i rimborsi da 5mila euro per i privati a 20mila per le imprese – ed E, quella relativa ai danni più ingenti per i quali serviranno le relazioni dei periti. Del numero di pratiche ricevute, 341 arrivano dai cittadini privati con una percentuale del 58,7% sul totale; 240 dalle imprese con il 41,3%. L’importo totale delle lettere C + E per le imprese è di euro 863,508; 438, 472 per i privati.

Modalità di richiesta contributo

Ci sarà tempo fino alle ore 13 del 20 dicembre per compilare la modulistica online e presentare la documentazione. Gli sportelli sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. E’ obbligatorio prendere appuntamento chiamando il numero 041041.

Lo sportello per richiesta contributi al Lido di Venezia

La pratica allo sportello richiede circa una mezz’ora. Gli operatori verificano che ci sia tutta la documentazione necessaria. Per poter compilare la domanda bisogna infatti essere in possesso di carta di identità valida, di codice fiscale, dei dati catastali dell’immobile interessato e del codice IBAN del conto corrente sul quale si vuole venga liquidato il danno. Come previsto dalla legge, serve infine una marca da bollo da 16 euro e, ovviamente, le fatture che attestano le spese effettuate per far fronte ai danni subiti.
Se ancora non avete tutte le pezze giustificative non ci sono problemi: la domanda può essere integrata fino al 28 febbraio 2020. In questo caso, o se manca la delega, viene fissato un secondo appuntamento.

Domande e risposte utili

Per qualsiasi richiesta di informazione si può consultare il sito del Commissario delegato www.commissariodelegato.venezia.it
In alternativa, si può chiamare il Call Center DiMe al numero 041041.

Le domande vanno fatte online accedendo al sito del Commissario delegato. Per agevolare i cittadini e fare chiarezza sull’argomento c’è una specifica sezione del sito internet con una serie aggiornata di FAQ domande e Risposte. A disposizione di cittadini e imprese anche l’elenco dei documenti da raccogliere per facilitare la predisposizione della modulistica e i fac-simile dei modelli da completare poi on line.

«Per velocizzare i tempi – spiegano i referenti degli sportelli – si raccomanda di prendere appuntamento al numero 041041. Ai cittadini che si presentano senza appuntamento viene data una ceck list della documentazione necessaria per la domanda di contributo e si fissa la data dell’incontro per la successiva verifica di quanto consegnato».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: