“Una giornata attesa da tanti anni. Venezia è protetta”

Piazza San Marco 03 ottobre 2020 ore 10.00

“Una giornata storica per Venezia”. Lo dice il sindaco Luigi Brugnaro, che stamani ha brindato il successo del MOSE con i cittadini di Pellestrina, lo scorso anno i più colpiti dall’acqua granda del 12 novembre.
Lo dicono i tanti commenti sui social, dove l’innalzamento delle barriere che hanno difeso per la prima volta Venezia dalla marea è stato protagonista fin dalle prime ore del mattino.
Tanti i video dei cittadini accorsi sulle dighe del Lido per testimoniare l’evento in diretta, tanti i giubili di chi scriveva “Una giornata attesa da tanti anni. Venezia è protetta“.

Brugnaro brinda a Pellestria
Il brindisi del sindaco Luigi Brugnaro con i cittadini di Pellestrina

Le donne del MOSE

Molti hanno ringraziato anche le tre donne a capo dell’operazione,  il ministro ai lavori pubblici Paola De Micheli, il commissario straordinario Elisabetta Spitz e il Provveditore alle Opere Pubbliche Cinzia Zincone.
“La decisione di alzare il MOSE e di mettere Venezia al riparo dall’acqua alta, coronata da un palese successo -ha ricordato invece proprio il commissario Spitz – rappresenta un passaggio fondamentale per la protezione della città per il quale ci tengo ad attribuire il merito ai tecnici, agli operai e a tutto il personale del Consorzio Venezia Nuova che hanno reso possibile raggiungere questo straordinario traguardo”.

Il commissario straordinare del MOSE Elisabetta Spitz
Il commissario straordinare del MOSE Elisabetta Spitz

“Questa giornata – ha concluso – è una tappa di un cammino da completare che dovrà garantire una protezione sempre maggiore del territorio lagunare da un ineludibile innalzamento del mare”.

Venezia salva dall’acqua alta

Per la prima volta, neppure la basilica di San Marco ha visto l’ingresso dell’acqua.
La città blindata ha sorriso incredula di fronte a una laguna straordinariamente calma mentre fuori dalle bocche di porto, con un vento di scirocco che soffiava a 30 km orari, il mare era in burrasca.
In cabina di regia, sull’isola artificiale del MOSE, tangibile la tensione legata alle aspettative di chi da giorni era allertato e da anni lavora per fare in modo che il sistema di dighe mobili, unico al mondo nel suo genere, funzionasse come di dovere.

La scaramanzia fino all’ultimo, poi la gioia

Una prova generale determinante per tutti, che ha dato vita a un gioco di squadra vincente.
“Siamo fiduciosi, le barriere si sono alzate – diceva il sindaco Brugnaro  alle 10 evitando con scaramanzia altri commenti – Attendiamo adesso  le prossime due ore ma, incrociando le dita, possiamo dire di essere soddisfatti”.
Accanto a lui, sotto la pioggia, il provveditore alle Opere Pubbliche Cinzia Zincone: “E’ un buon test – ha commentato- Ci consente di raccogliere dati utili per un ulteriore messa a punto del sistema”.

Il Provveditore alle Opere Pubbliche Cinzia Zincone e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro
Il Provveditore alle Opere Pubbliche Cinzia Zincone e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro

Nel  frattempo, mentre il mare continuava a incresparsi, il vento a soffiare e gli stati d’animo ad alternarsi tra gioia e timore nell’avvicinarsi dell’ora cruciale, il dislivello tra la marea in laguna e quella al di là della barriera del MOSE continuava a salire.

A mezzogiorno e mezzo, il respiro di sollievo.
La città è interamente rimasta all’asciutto.  Una piccola pozzanghera a San Marco, niente di più.
Il mare in burrasca, fuori, continuava a ululare.

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: