Salute +

Vaccini: scoperto il meccanismo che potrebbe aver determinato il rischio coaguli

Vaccini: scoperto il meccanismo che potrebbe aver determinato il rischio coaguli

Con la campagna di vaccinazione in corso a livello mondiale per bloccare la pandemia, l’inoculazione di alcuni sieri, sia pur  in casi rari, ha provocato problemi di coagulazione.
E’ accaduto con i vaccini AstraZeneca e Janssen di Johnson&Johnson, che tanto hanno fatto parlare al punto di arrivare in alcuni paesi alla sospensione temporanea o definitiva della somministrazione, come nel caso della Danimarca per il vaccino Janssen.
I problemi che si sono verificati in casi isolati potrebbero essere dovuti al metodo utilizzato per portare nelle cellule le “istruzioni” per produrre la proteina del virus Sars-Cov-2.
La scoperta del meccanismo che crea rischio coaguli arriva da uno studio della Goethe University di Francoforte.

Lo studio su AstraZeneca e Janssen

Si tratta per ora di una bozza di articolo scientifico derivante dalle ricerche degli studiosi sui due vaccini.
La teoria al momento è stata verificata con dei test di laboratorio e attraverso dei software.
I rari problemi di coagulazione provocati dai due vaccini, spiegano i ricercatori, si possono risolvere rimodulando i vaccini. Ma perché si verificano?
Il vaccino, secondo gli studiosi della Goethe University, rilascerebbe una sequenza del Dna che serve a produrre la proteina del Sars-Cov-2 nel nucleo della cellula e non nella parte esterna (citoplasma) come invece fanno quelli che agiscono tramite inoculazione di frammenti di mRNA nelle cellule umane, le quali vengono indotte a produrre antigeni di organismi patogeni o antigeni tumorali, che poi stimolano una risposta immunitaria adattativa.
Una volta dentro, una parte di questo Dna si “rompe” e i frammenti vengono espulsi dal nucleo finendo nel sangue e provocando i coaguli.

Coaguli nel sangue: un caso ogni 100 mila persone

In Gran Bretagna episodi che riguardano i vaccini AstraZeneca e Janssen di Johnson&Johnson sono stati riscontrati in 309 persone su 33 milioni di vaccinati, con 56 morti.
In Europa, invece, sono 142 le segnalazioni su 16 milioni di immunizzati, vale a dire circa 1 persona ogni centomila.

Coronavirus

Sempre secondo lo studio dei ricercatori di Francoforte, il problema può essere risolto “rimodulando” i vaccini in questione, vale a dire cambiando le sequenze che codificano la proteina spike, il principale meccanismo che il virus utilizza per infettare le cellule bersaglio, per prevenire le reazioni indesiderate.

Silvia Bolognini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  vaccini