Società +

Via libera dell’UE alle tarme della farina sulle nostre tavole.

Via libera dell’UE alle tarme della farina sulle nostre tavole.

Finora sono state usate per lo più come esche per la pesca o come mangime per gli uccellini.
Ora le tarme della farina, note anche come camole o “farfalline“, entrano in cucina.
Sono proposte con soffritto di cipolla, peperoni e peperoncino, oppure con uova, uvetta e burro salato.
Possono essere allevate, essicate e commercializzate per arrivare sulle nostre tavole perché ritenute cibo sicuro.
A dare il via libera era stata lo scorso gennaio l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ma la decisione doveva esser autorizzata dagli stati membri. Ora è arrivata l’autorizzazione europea, che fa delle larve gialle essiccate del tenebrione mugnaio, insetti lecitamente inseriti nel nostro ricettario.
Potranno dar vita a un “ragù” di tarme, così come essere mangiati senza rischi come snack o anche essere usati come ingrediente di preparati per biscotti, barrette proteiche e pasta.
La richiesta di commercializzare le tarme da farina come cibo umano era stata fatta da un’azienda francese all’Efsa.  L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha così analizzato il loro profilo tossicologico, il rischio di allergie e il processo di allevamento e trasformazione dell’insetto, dando il responso finale positivo.
Riguardo alle allergie, l’Efsa ha segnalato che il consumo dell’insetto può portare a reazioni a chi ha intolleranze preesistenti a crostacei e acari della polvere.
Le tarme da farina non sono l’unico insetto a esser stato sotto la lente d’ingrandimento dell’Efsa.
Allo studio, ci sono stati infatti altri 10 tipi di insetti, tra cui grillivermi e cavallette.
Ma cosa ne pensano gli italiani?
Secondo il sondaggio effettuato da Coldiretti nei mesi scorsi, la maggioranza considera gli insetti estranei alla cultura alimentare nazionale e non metterebbe mai a tavola la larva gialla della farina essiccata termicamente, intera o sotto forma di farina.
La decisione della Commissione europea sarà comunque adottata nelle prossime settimane ed è parte del piano d’azione Ue 2020-30 per i sistemi alimentari sostenibili “Farm to Fork” che afferma gli insetti come una fonte di proteine a basso impatto ambientale e a sostegno della transizione green della produzione alimentare Ue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.