Restyling della stazione: una piastra per unire Mestre e Marghera

Rendering della nuova piastra sopraelevata della stazione di Mestre
Nella foto in alto: Rendering della nuova piastra sopraelevata della stazione di Mestre

L’impatto delle stazioni ferroviarie “di attraversamento” sulle città, nella storia, ha attraversato varie fasi. Poste ai bordi dei centri, all’inizio, hanno attratto urbanizzazione. Con la crescita delle città, si sono però poi trasformate in elementi di frattura. In tal senso, la stazione di Mestre è esemplare. Perché rende Mestre e Marghera, pur limitrofe, 2 realtà ben distinte. Il ripensamento di uno dei più importanti snodi ferroviari d’Italia diventa quindi occasione per ricucire il territorio.

Il ridisegno della stazione di Mestre e dell’area circostante

MUM: Mestre unisce Marghera

Non a caso, presentando l’accordo di programma per la riqualificazione dell’ambito della stazione di Mestre, il ceo di FS Sistemi urbani, Umberto Lebruto, ha scelto uno slogan: MUM. Cioè “Mestre unisce Marghera”. Che, a specchio, significa anche “Marghera si unisce a Mestre”. “Il primo obiettivo di questo profondo restyling – ha proseguito il ceo di FS Sistemi urbani – è la ricucitura urbana. Il secondo, è proseguire l’integrazione di città e mobilità, con tram, parcheggi, gomma pubblica e privata, bike e car sharing. La stazione di Mestre è una delle più trafficate d’Italia, con circa 600 treni al giorno, di cui 164 a lunga percorrenza, e circa 15 milioni di passeggeri che salgono e scendono ogni anno. Vogliamo traguardarla al 2030, garantendone i flussi”.

Il ceo di FS Sistemi urbani, Umberto Lebruto, e il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro

“Penso che la stazione riqualificata – ha introdotto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro – possa rivivere a nuova vita, ritrovando dignità urbanistica. Perché, in tal modo, può assorbire una doppia funzione e fornire un doppio servizio. Fungere cioè per i passeggeri da area di attesa e smistamento. E, per i cittadini, da elemento di transito da una parte all’altra della città. Così possiamo diventare anche elementi di esempio per altri siti di questo genere, in altri luoghi d’Italia”.

Rendering del restyling della stazione di Mestre all’altezza del piano binari

Una piastra per attraversare i binari

Comune e FS, negli ultimi anni, hanno ridiscusso il vecchio accordo per la ristrutturazione della stazione di Mestre. E, con il lavoro svolto nell’ultimo anno, si è giunti ad elaborare un vero e proprio piano di fattibilità. L’idea di fondo, che il Comune ha chiesto fin dall’inizio a FS, è stata quella di realizzare sui binari non una semplice passerella, ma una vera e propria piastra. Una sorta di “piazza”, come quella in cima al ponte di Rialto, in grado di massimizzare la sicurezza e la funzione anche sociale del collegamento.

Rendering dell’interno della stazione di Mestre secondo il piano di restyling

A 10 metri d’altezza rispetto ai binari, sarà dunque realizzata questa piastra, larga 18 metri e lunga 100. E, nei percorsi pedonali e ciclopedonali all’insegna del “green”, saranno utilizzate al massimo le trasparenze. L’idea è poi quella di una serie di salite e discese, tutto su scale mobili o ascensori, per facilitare i transiti e abbattere le barriere architettoniche. “I primi studi di fattibilità tecnica ci hanno detto che è fattibile”, ha spiegato Lebruto. “Nei successivi approfondimenti, in ogni caso, si può ragionare anche sull’ipotesi di arricchire la passeggiata con servizi commerciali, per renderla più sicura e finita. Ed è ipotizzabile anche lo scenario in cui il privato possa agganciarsi, ad esempio ricollegandosi all’intervento su via Ulloa”.

La pianta della stazione di Mestre nel piano di riqualificazione

Un investimento a 360°

In occasione della presentazione alla Smart Control Room del Tronchetto, il ceo Lebruto ha accettato la sfida lanciata dal sindaco Brugnaro di completare l’intervento entro il 2026, quando si terranno le Olimpiadi di Cortina. E, per la sola parte della stazione, FS ha previsto un investimento da 50 milioni. “Sarà un intervento a costo zero per il Comune. E abbiamo voluto coinvolgere il più possibile i privati” ha sottolineato il sindaco. Ad esempio, già Salini, che sta riqualificando via Ulloa a Marghera, ha ripensato il proprio autonomo progetto nell’ottica della nuova stazione.

Rendering del restyling della stazione di Mestre vista dai binari

A essere coinvolta sarà infatti l’intera area: via Ulloa, Città Giardino e porto dal lato Marghera; da quello di Mestre, stazione, Piraghetto ed ex scalo di via Trento (su cui FS ha lanciato un concorso sulle possibili soluzioni riservato ad architetti under 40). Vicino al parco del Piraghetto, ad esempio, FS ha anticipato la cessione di un’area di 21.000 metri quadri, su cui è partita la progettazione del Comune. Tra le attività che dovrebbero esservi accolte, c’è anche una scuola elementare. Al posto dell’edificio ex Poste, una in area privata e una sull’area delle FS, sempre a Mestre, sorgeranno invece 2 torri, con funzioni direzionali ancora da definire, ma comunque in grado di portare nuovi posti di lavoro.

Rendering dell’esterno della stazione di Mestre nel piano di restyling di FS
Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: