Economia +

Quando si andrà in pensione? Chiedilo a “Pensami”

Quando si andrà in pensione? Chiedilo a “Pensami”

Online la nuova versione del simulatore dell’Inps per calcolare quando e come smettere di lavorare

Tra “quote” (con il passaggio da “100” a “102” per il 2023), meccanismi di anticipo come “Opzione donna” e “Ape sociale” (che cambiano o vengono prorogati) e sullo sfondo lo “spettro” della legge Fornero (che innalza i requisiti di vecchiaia a 67 anni e di anzianità tra i 41 anni e 10 mesi e i 42 e 10 mesi rispettivamente per donne e uomini), capire quando si maturerà il diritto di godersi la pensione è diventato un vero e proprio rebus.
Per provare a dare una risposta alla domanda che si fanno molti lavoratori, l’Inps ha messo a disposizione online dal 20 gennaio 2023 la versione aggiornata, all’interno delle attività progettuali previste dal Pnrr, del servizio “Pensami (acronimo di PENSione A Misura): un simulatore di scenari pensionistici in grado di fornire una consulenza “fai da te”, consentendo cioè di conoscere quando e come andare in pensione cumulando tutta la contribuzione.

Pensami: come funziona

La nuova versione di “Pensami” è raggiungibile dal sito www.inps.it attraverso il seguente percorso dalla homepage: “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Pensami – Simulatore scenari pensionistici.
Per accedere non è richiesta alcuna autenticazione o registrazione e non vengono utilizzate le informazioni presenti nella banca dati dell’Inps, a tutela della protezione dei dati personali. Il servizio non calcola gli importi delle prestazioni, né fornisce informazioni sulle pensioni previste per determinate categorie di lavoratori, come militari, piloti, poligrafici e altri.

pensione

È dunque sufficiente rispondere a poche domande relative ai dati anagrafici e alla contribuzione per ottenere informazioni sulle principali prestazioni pensionistiche a cui si potrebbe avere diritto, così come la data dalla quale sarebbe possibile accedere alla pensione, le modalità di calcolo applicate ma anche quali sono gli istituti di cui poter usufruire da parte di chi intende anticipare l’accesso alla pensione.
Il sistema propone quindi le diverse possibilità alternative, sottolineando anche se verrà applicato il sistema misto o solo quello contributivo.

Le novità

Le informazioni fornite dal servizio riguardano sia le singole gestioni previdenziali che quelle legate al cumulo dell’intera contribuzione.
Rispetto alla versione precedente del simulatore, il nuovo “Pensami” ha previsto nuove funzioni “per accompagnare l’utente nel percorso di comprensione della propria situazione previdenziale”.
A tal fine, sono stati realizzati anche dei video tutorial per guidare l’utente durante il percorso. Ed è stato programmato anche il prossimo rilascio di una versione “app” per dispositivi mobili.
In particolare, è stata riprogettata la struttura del simulatore in un unico percorso che prevede l’inserimento in un solo momento dei dati anagrafici e contributivi, la selezione di eventuali istituti aggiuntivi che potrebbero anticipare l’accesso alla pensione (come riscatto titoli di studio universitari, periodi di lavoro all’estero, maternità fuori dal rapporto di lavoro, servizio militare, lavori usuranti, lavoratori precoci) e la visualizzazione dei possibili scenari pensionistici.

Alberto Minazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  pensioni