E’ made in Padova il panettone migliore del mondo

Francesco Luni pasticceria Estense Padova

Il pasticcere Francesco Luni ha vinto l’oro assoluto al Campionato della Federazione Internazionale Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria “Best Panettone of the World 2020”

Ci sono il cedro, l’arancio candito e l’uvetta. La ricetta è quella originale del nonno, tramandata da generazione in generazione. Gli ingredienti sono genuini e tutti rigorosamente a km zero, provenienti dal nostro territorio. Abili mani li sanno combinare in modo artigianale. Segreti particolari? Nessuno.
Nasce così a Padova il panettone migliore del mondo. Una specialità tutta veneta, creata dall’arte pasticcera di Francesco Luni.

Francesco Luni al lavoro nella sua pasticceria

Proprio con il suo panettone, il giovane maestro dei dolci ha vinto a Roma il titolo di campione del mondo nella sfida “Best Panettone of the World 2020“, sbaragliando 300 concorrenti.

Passione e tradizione artigianale

Francesco Luni è al lavoro nella pasticceria di famiglia, dove trascorre la maggior parte delle sue giornate, impegnato nella produzione di dolci artigianali.
Come ci si sente ad essere il produttore del miglior panettone del mondo?
«Questa vittoria – racconta Francesco a Metropolitano.it – è un riconoscimento importante per il nostro territorio, per me e la mia famiglia, con la quale porto avanti la storica pasticceria Estense di Padova, fondata nel 1925. Abbiamo portato la città sul tetto del Mondo della Pasticceria Internazionale con il nostro Panettone Classico fatto come una volta, seguendo una ricetta tramandata da ben tre generazioni.

Il panettone prodotto dalla pasticceria Estense di Padova

Sono felice, orgoglioso e ancora emozionatissimo. Ancora quasi non mi rendo conto di aver raggiunto questo prestigioso traguardo. E’ il frutto di tanta passione per il mio lavoro, sono nato respirando il profumo di dolci. E questa vittoria in un momento particolare di incertezza e paura per il futuro assume un valore ancora più significativo. E’ un riconoscimento che premia tutti. La nostra pasticceria porta avanti da sempre una artigianalità che vuole preservare nel tempo i sapori genuini della tradizione veneta e italiana».

Dolci prodotti dalla pasticceria Estense di Padova

La competizione a Roma

Erano oltre 300 i professionisti che hanno partecipato alla gara. All’appuntamento, a Roma, sono arrivati da ogni parte del mondo, anche da America, Giappone, Cina oltre che da diversi Paesi europei. Da questo gruppo di concorrenti ne sono stati scelti 100, divisi nelle categorie “Classico”, “Decorativo” e “Innovativo”, per accedere alla finale.
Francesco Luni, domenica 25 ottobre era tra loro.

«Mai dimenticherò – dice Francesco con la voce carica di emozione – il momento in cui ho sentito pronunciare il mio nome quale vincitore dell’oro assoluto per il mio dolce Classico. Da oggi il Migliore Panettone del Mondo si trova a Padova, nella pasticceria della mia famiglia. Questo Oro mondiale lo dedico a mio papà Paolo, scomparso lo scorso anno».

La competizione “Best Panettone of the World 2020” che si è svolta a Roma

La giuria del Concorso, formata dai Campioni del Mondo di pasticceria Roberto Lestani (Presidente), Matteo Cutolo, Paolo Molinari, Enrico Casarano e da Maestri Pasticceri pluripremiati, non ha tralasciato il minimo particolare. Il Panettone Classico che ha scalato la classifica arrivando primo assoluto è stato giudicato per il profumo, il taglio, la cottura, il gusto, la sofficità e l’alveolatura (la quantita di buchi che si presentano all’interno dell’impasto, ndr). Ma anche per la qualità delle materie prime scelte, la lievitazione, la presentazione e la capacità del Pasticcere di comunicare il suo prodotto.

Così Francesco Luni, laurea Magistrale in Tecnologia Alimentare a Padova, è stato insignito del titolo di Maestro ottenendo il massimo riconoscimento con il suo Panettone Classico. Gli è stato conferito l’Oro Assoluto con tanto di Coppa e Medaglia d’Oro.

The Best Panettone of the World 2020”: come si prepara

Cos’ha di speciale il panettone migliore del mondo?

«Produrre un panettone – spiega Francesco Luni – richiede particolare attenzione. In primis nella scelta delle materie prime di qualità. I prodotti che noi utilizziamo, dalla farina allo zucchero, al burro e alle uova, sono tutti del nostro territorio. A questi si aggiungono il cedro, l’arancio candito e l’uvetta.

La famiglia Luni che gestisce la pasticceria Estense a Padova

Il processo di produzione è lento. Al primo impasto fatto alle 17 seguono 12 ore di lievitazione e il secondo alle 5 del mattino. Altre 4/6 ore di lievitazione e un’ora di cottura. Ma non è ancora arrivato il momento di guastarlo. Perché sono necessarie altre 24 ore a testa in giù (altrimenti non avrebbe la classica forma panciuta) e una settimana / dieci giorni di attesa perché sia a regola d’arte. A questo punto è pronto. E il palato potrà apprezzare la sua fragranza e il suo caratteristico sapore».

 

 

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: