IO NON BALLO DA SOLA

ReyerZine_n22-Massolin_1

È la trevigiana Martina Massolin il volto emergente

di questo numero di Reyerzine. Ventunenne di Ponzano divide la sua vita tra l’amore per i balli caraibici e la passione per le sfilate
ReyerZine_n22-Massolin_1
Divisa tra l’amore per la danza e la passione per le sfilate”. Questa l’etichetta con la quale si potrebbe descrivere la ventunenne trevigiana Martina Massolin, volto emergente di questo numero di Reyerzine. Numerosi i concorsi di bellezza ai quali ha partecipato, tra cui Miss Italia, Miss Mondo Italia, Miss Grand Prix, e altri di carattere più prettamente locale come Bella di Marca. Ma è stato soprattutto un percorso formativo nel mondo della moda a trasformare un iniziale passatempo in una opportunità lavorativa. «Il mio percorso di modella è iniziato quando ero praticamente una bambina. Inizialmente ho svolto dei fitting aziendali e piccole sfilate. Alle superiori poi è nata la mia vera e propria passione per questo lavoro. D’altronde mi sono diplomata in tecnica dell’abbigliamento e della moda, ho quindi studiato disegno, modellistica, confezione, tecnologie tessili e storia dell’arte».

Come ti senti quando posi e cosa puoi dirci di Alberto Buzzanca che ti ha immortalato in questi scatti?

«Amo come mi sento quando poso per un servizio fotografico: mi sento donna, mi sento sicura di me stessa e mi sento forte e sensuale. Alberto Buzzanca oltre che essere un ottimo fotografo professionista è una bellissima persona. Già dai primi scatti si è creato tra noi un bel rapporto d’amicizia. Mi rende sicura durante il lavoro e mi dà la carica giusta. Per questo mi affido quasi sempre a lui».

Cosa ami del nostro territorio e quali sono le località che frequenti maggiormente?

«Amo la natura ma mi piace anche il fatto che non manchi comunque l’arte, la cultura e, avendo 21 anni, la vita notturna. I luoghi che frequento di più, oltre al centro di Treviso, sono più che altro locali dove si balla latino a Castelfranco, Cittadella, Bassano».

Oltre alla moda quindi una passione per la danza?

«Per me la danza è tutto: io vivo la mia giornata ballando. Ho sempre fatto molto sport perché faccio fatica a stare ferma: a tre anni facevo ginnastica ritmica, dai sei ai quindici ho praticato il pattinaggio artistico a rotelle. Ma il mio sogno è sempre stato di ballare sulle punte quindi mi sono iscritta all’Accademia dello Spettacolo Danza Lirica di Montebelluna. Purtroppo ho dovuto lasciare la danza classica in seguito ad infortunio al piede nel 2012. Ma non tutti i mali vengono per nuocere: a causa di questo ho iniziato a studiare balli caraibici ed è stata una vera rivelazione. Ho dimenticato la normale discoteca e ho iniziato ad uscire 3-4 sere a settimana per amore dei balli caraibici. Ora partecipo anche a gare di salsa e bachata e faccio parte di un gruppo di animazione che si chiama “Tropicalgrupo Venezia”».

Domanda d’obbligo: come deve essere il tuo uomo ideale?

«Lo immagino alto, capelli scuri, occhi azzurri, atletico e con un bel sorriso dolce. Caratterialmente dev’essere una persona che mi prende in grado di mandarmi fuori di testa con poche parole. Lo vorrei dolce ma deciso e grintoso quando serve, deve farmi ridere, deve sapermi ascoltare, essere paziente e soprattutto presente. Vorrei una persona su cui poter contare. Il fatidico “principe azzurro” insomma. Ora non ho un fidanzato e sto bene da sola… ma se dovesse arrivare… chissà».
ReyerZine_n22-Massolin_2

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: