fbpx

La Mostra in bicicletta. In 105 mila a vedere i film in concorso

Giovane, affollata, green.
L’edizione 2019 della Mostra del Cinema, al Lido di Venezia, è soprattutto a pedali.
Un successo annunciato di film e di presenze, di numeri e inaspettatamente… di biciclette.
Le hanno scelte gli addetti ai lavori, gli operatori, i cameramen e i giornalisti. Soprattutto le ha scelte il pubblico, che non demorde e che con la due ruote si muove tra il Palabiennale delle Quattro Fontane e il Palazzo del Cinema, le conferenze dell’Excelsior e i punti di ristorazione.

 

Passeggiando in bicicletta

“Lido isola green”, dunque, non solo per i residenti, che notoriamente si muovono molto in bicicletta, anche per far la spesa, ma anche per gli ospiti del Festival, che hanno letteralmente preso d’assalto i tre punti di noleggio di Viale Santa Maria Elisabetta approfittando anche delle varie formule di abbonamento previste.


Complessivamente 500 biciclette in uso che hanno trovato posto sulle rastrelliere appositamente aggiunte per la Mostra del Cinema, che si presenta in un’inedita versione friendly pur mantenendo intatto il suo lato glamour.


“Quest’anno più che mai sono fioccate le richieste – confermano i titolari di Lido on bike Sabrina Tormena e Stefano Scarpi – Noi ne abbiamo 250 a disposizione per varie fasce orarie o per giornate intere ma già il primo giorno sono uscite tutte e per l’intera settimana la cosa si è confermata. Questa mostra – concludono – è sicuramente la più green”.
I clienti sono attenti, per lo più giovani, chiedono informazioni su come muoversi al Lido e Sabrina si assicura che i faretti funzionino mentre racconta di come stanno andando le cose.
“Siamo davvero soddisfatti  – concorda Sebastiano Mao, di Venice Scooter Rental – Quest’anno anche noi abbiamo registrato una richiesta di biciclette del 20% in più rispetto al 2018. Noi abbiamo anche scooter e moto ma la protagonista di questi giorni è sicuramente la bicicletta. Peccato non averne avute di più: sarebbero andate via tutte”.

 

L’anno più gettonato per la bicicletta

Complice forse il bel tempo, una nuova mentalità e una mostra che ha registrato ottimi risultati fin dalla sua presentazione, con abbonamenti esauriti prima del via ufficiale, il pubblico del Lido, dunque, pedala. Anche con lo smoking e con abitini di paillettes, il giorno e la notte, senza differenza alcuna.
“Vengono in ogni modo a prendere le biciclette –dice Cristiano Depietri, di Venice Bike Rental – Ma soprattutto si organizzano con i pacchetti proposti. Da diversi anni noi offriamo l’abbonamento per l’intero periodo della Mostra del Cinema a prezzi scontati ma quest’anno è sicuramente il più gettonato per la bicicletta”.

D’altra parte, con la bicicletta si possono oltrepassare i varchi di sicurezza  semplicemente scendendo, rendendosi disponibili ai vari controlli e proseguendo poi lungo i percorsi pedonali del Festival con bicicletta a mano. Le rastrelliere portabiciclette sono posizionate ovunque di fronte alle sale e tra i tanti spazi di relax della Mostra.

Che prosegue la sua corsa verso il tutto esaurito.
Dal 28 agosto a oggi sono arrivati al Lido per la Mostra del Cinema migliaia di persone. 105 mila hanno fatto registrare il loro ingresso nelle sale.
L’11% in più rispetto all’anno scorso (80 mila ingressi), addirittura il 22% in più rispetto al 2017 (94 mila ingressi).

Ciclo-cinema: una passione reciproca

La bicicletta piace al cinema e viceversa. A lei negli anni si sono ispirati registi e sceneggiatori, facendola diventare il simbolo di un’epoca o rendendola protagonista del grande schermo. Bastano pochi titoli per ricordare: Senza freni, All american boys, La bicicletta verde (tra l’altro presentata proprio alla Mostra del cinema nel 2012), Ride, Boy and Bicycle. Ma il più memorabile per noi italiani è soprattutto Ladri di biciclette, di Vittorio De Sica.
Dal quale giunge un monito non trascurabile in tempi in cui le biciclette fanno tendenza: legatele!

 

1 commento su “La Mostra in bicicletta. In 105 mila a vedere i film in concorso”

  1. È il caso dire che vanno letteralmente a ruba le biciclette… nel senso che i partecipanti alla mostra del cinema potrebbero evitare di rubare le biciclette dei residenti entrando direttamente nei giardini privati o anche per quelle bici che durante tutte l anno si lasciano appoggiate alle rastrelliere finché si fa la spesa con o senza lucchetto ma che in questi giorni , sembra, spariscono come il pane.In valigia oltre al pass si portano un tanaglia per catene???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: