Società +

Moda e intelligenza artificiale: ecco gli abiti che cambiano colore

Moda e intelligenza artificiale: ecco gli abiti che cambiano colore
foto di repertorio

I cosiddetti “tessuti intelligenti” sono stati presentati alla Settimana della Moda di Milano

Piaccia o non piaccia, l’intelligenza artificiale ormai sta sempre più entrando nelle nostre vite.
E se la settimana della moda di Milano suggerisce che i colori più trendy sono  il rosso (dalla tonalità sanguigna al burgundy che presenta sfumature porpora allo scarlatto), il Light Blue e retro Blu, il bianco, il rosa e il light green, l’AI ci darà modo di indossarne più di uno insieme.
Proprio a Milano, durante la Fashion Week, sono stati presentati infatti gli abiti che cambiano colore.
Le modelle hanno sfilato sulla passerella al buio indossando abiti e borse realizzati con un particolare tessuto che brillava e passava dal blu acceso all’arancione, al verde e a un viola profondo regalando un vero e proprio arcobaleno.

Il “tessuto intelligente” che genera illuminazioni colorate

Bastano piccoli gesti, dei dispositivi mobili o un telecomando e il gioco è fatto.
Il “tessuto intelligente” utilizzato per questi innovativi abiti presentati dal team di ricerca AiDLab di Hong Kong combina fibre ottiche polimeriche con filati e contiene una telecamera integrata che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per generare illuminazioni colorate.

abiti che cambiano colore
foto di repertorio

Il passaggio da un colore all’altro può avvenire in diversi modi.  Per fare degli esempi, un pollice in su attiva il blu intenso, un gesto a forma di cuore il rosa e un segno ok il verde smeraldo.
Altrimenti è possibile estrarre i colori dalle foto del proprio telefono e proiettarli sul tessuto. La terza opzione è quella di controllo tramite telecomando.

Dalla moda ad altri impieghi della tecnologia

Come ha spiegato la professoressa Jeanne Tan del team di ricercatori che ha sviluppato il prodotto, questa tecnologia potrebbe essere utilizzata anche a scopi riabilitativi come la stimolazione multi sensoriale per persone con demenza o sfide nell’apprendimento.
E’ stato inoltre osservato che la possibilità di modificare i colori degli indumenti con questo materiale innovativo potrebbe ridurre gli sprechi che sono associati allo scarto di vestiti quando cambiano le mode promuovendo in questo modo un approccio più sostenibile.

Silvia Bolognini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.