fbpx

Mestre e Marghera unite da un ponte: la rinascita anche oltre la stazione

Veduta aerea del progetto di riqualificazione dell'area  stazione ferroviaria
Nella foto in alto: Un’immagine aerea della stazione ferroviaria e la riqualificazione di via Ulloa a Marghera

E’ stata firmata l’intesa definitiva tra Comune di Venezia e Ferrovie per unire Mestre e Marghera con la piastra sopra alla stazione e riqualificare l’area. Nuovo look anche per la zona di via Ulloa 

Sì al progetto che finalmente unirà Mestre e Marghera e riqualificherà l’intera area della stazione ferroviaria. Entra nel vivo la realizzazione dell’importante progetto con la firma degli accordi di programma tra Comune di Venezia, Ferrovie dello Stato e il Gruppo Salini che permetterà di cambiare radicalmente il volto della zona stazione. Sarà innanzitutto un nuovo spazio vivibile con moderni e funzionali edifici ad uso turistico-ricettivo, uffici, spazi commerciali e verde. Mestre e Marghera non più separate ma unite dalla ferrovia. La realizzazione di una struttura di collegamento sopraelevata, la piastra che passerà sopra i binari, ricucirà la frattura tra le due città.

Rendering del progetto di riqualificazione dell’area stazione ferroviaria

“Questo progetto – ha sottolineato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro nel ringraziare Ferrovie dello Stato e il Gruppo Salini per l’intervento che riguarda via Ulloa – è un tassello importante per dare nuova vita a Mestre e Marghera e diventerà realtà grazie ad un accordo che vede assieme pubblico e privato. La riqualificazione rientra in un più ampio contesto che ha l’obiettivo di collegare tra loro parti strategiche della città rendendole più vivibili e più sicure”.

L’area stazione ferroviaria di Mestre

Per rispondere alle esigenze di mobilità della città, dopo la costruzione del Bici Park e del multipark saranno realizzati nuovi collegamenti pedonali e percorsi ciclopedonali. Nell’area sorgeranno strutture turistico-ricettive comprensive di nuovi spazi di stazione e commerciali e sarà riqualificato l’edificio Ex Poste. Ci saranno collegamenti diretti con il tram e gli autobus.

Rendering del ponte coperto che unirà Mestre e Marghera

A unire Mestre e Marghera sarà la piastra sopra i binari. Sarà così possibile, per chi lo desidera, raggiungere piazza Mercato a Marghera da Piazza Ferretto anche a piedi o in bicicletta. Il collegamento sopraelevato sarà realizzata dalle Ferrovie ma nel caso non fosse sostenibile, il Comune farà un bando cercando privati disponibili a fare l’investimento.

Per l’area dell’ex scalo merci di via Trento il progetto prevede nuove superfici, una parte delle quali destinata ad uso residenziale, mentre l’altra all’ampliamento del Parco Piraghetto.

L’area di via Ulloa a Marghera 

La giunta comunale ha dato il via libera anche al progetto del Gruppo Salini Impregilo che riguarda via Ulloa. Verrà realizzato un grande polmone verde di 30 mila mq all’interno del quale troveranno posto hotel, case, uffici. Il tutto seguendo nuove tecnologie e l’edilizia ecosostenibile. Non mancherà un edificio direzionale e un parcheggio con accesso dalla tangenziale, collegato a percorsi pedonali e ciclabili verso la stazione ferroviaria e l’abitato di Marghera. Il parco pubblico attrezzato sarà confinante a sud con via Paolucci e a nord con la strada statale. Il ponte sopraelevato arriverà nell’area verde.

Il progetto prevede inoltre la cessione dell’area a nord per consentire all’Amministrazione comunale di procedere, in accordo con Ferrovie, per la realizzazione di un nuovo ingresso attrezzato sul lato Marghera della stazione. “Già da questo autunno – ha spiegato Brugnaro – verrà dato il via a quello che mi piace definire “un segno luminoso”. Il centro di Mestre e piazza Mercato a Marghera saranno idealmente collegati attraverso la colorazione degli alberi e la predisposizione di punti luminosi in un percorso che unirà le due città”.

 

 

1 commento su “Mestre e Marghera unite da un ponte: la rinascita anche oltre la stazione”

  1. Cristiano Tommasi

    Solo una parola per definire il progetto: STU-PEN-DO! Sarà una trasformazione radicale, una virata di 180^ dal brutto al bello (finalmente). Avanti così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter