Le attività storiche che resistono sul territorio: Meggetto, 70 anni di scarpe

Meggetto Calzature
Nella foto in alto: Da sx verso dx: Betty Meggetto, Giusy Brunello e Silvia Meggetto
Ci sono attività imprenditoriali che chiudono. Ma molte altre che resistono. Negozi storici, che sono nei decenni diventati veri e propri punti di riferimento in città. Ognuno, con le proprie competenze e nel proprio settore, ha saputo evolvere nel tempo, rinnovandosi, mantenendo qualità e passione, tramandate per generazioni.
Metropolitano.it è andato a scovarle tra le vie di Mestre e le calli di Venezia.

 

Dal nonno Attilio a Silvia. Dai banchi ambulanti al negozio.

La storia di una passione rimasta immutata negli anni

C’è un cognome che, nel Veneto, è diventato un’icona nel commercio delle calzature.
E’ legato a un’attività storica, le cui origini risalgono al 1948, quando Attilio Meggetto aprì, insieme ai suoi 11 figli, dei banchi di scarpe nelle diverse piazze del veneziano, trevigiano e padovano.
Una passione, quella per la scarpa, che si è tramandata di padre in figlio, al punto che ciascun discendente ha deciso di proseguire l’attività imprenditoriale nel settore.
Tra questi nonno Pietro che, nel 1978, con la moglie Giusy, inaugurò il suo primo negozio nel cuore di Carpenedo.
Ora, a portare avanti il nome dei Meggetto sono madre e figlia, Betty e Silvia. Sorridenti, gentili e professionali, sono diventate loro i punti di riferimento della clientela di Carpenedo. Credono nella modernità dei negozi di vicinato e fanno del rapporto umano il loro maggior punto di forza.

“Ho cominciato la mia attività nel commercio nel 1982 seguendo le orme dei miei genitori Pietro e Giusy – racconta Betty Meggetto –  In questi anni le modalità di vendita e il mondo della moda sono cambiati tantissimo, ma grazie ai valori e agli insegnamenti ricevuti sono riuscita ad affrontare con il sorriso ogni evoluzione. Oggi ho la fortuna di portare avanti questa storia familiare al fianco di mia figlia Silvia, entusiasta di proseguire l’attività di famiglia iniziata oltre 70 anni fa”.

I Meggetto oggi: Betty e Silvia

Ingrediente fondamentale di questo nuovo capitolo generazionale di successo sembra essere proprio la complicità e la passione che madre e figlia riversano sul loro lavoro.
“Sono praticamente nata e cresciuta in negozio con mia mamma – conferma Silvia – e oggi non ho dubbi nel voler proseguire nel mondo del commercio delle calzature. Ho la fortuna di sentirmi completamente a mio agio quando sono tra le persone e questo lavoro mi dà questa opportunità ogni giorno. L’insegnamento più grande che ho ricevuto da chi mi ha preceduto – sottolinea – è che nel mondo del commercio si può avere successo solo se si possiede una grande passione e una grande determinazione”.

Betty e Silvia Meggetto
Betty e Silvia Meggetto

Nonostante il duro colpo inferto ai negozi di vicinato da un’economia sempre più globale, Betty e Silvia sono riuscite a resistere offrendo alle proprie clienti un’esperienza di shopping personale, con un’offerta variegata e trasversale a livello di prezzi.
“Diverse clienti ci chiedono dei pareri personali e delle attenzioni esclusive – spiega Silvia – In un momento storico nel quale l’acquisto che si fa nei centri commerciali è spersonalizzato e veloce, sempre più privo del rapporto umano che per noi rappresenta invece un vero e proprio valore aggiunto, noi offriamo tutta la nostra esperienza nel valorizzare la bellezza delle nostre clienti, nell’aiutarle a esprimersi al meglio. E la  soddisfazione più grande è vedere uscire sorridenti e convinte della scelta che hanno fatto”.
Se il lavoro si fa in negozio e il negozio resta fedele alla formula del negozio di vicinato, le campagne promozionali si fanno invece sui social.
Un perfetto esempio di questa storia imprenditoriale che ha saputo adattarsi al meglio alle nuove sfide, senza mai perdere entusiasmo e professionalità. Per questo Meggetto continua, dal 1948 ad oggi, a tener vivo il suo nome. Dal bisnonno Attilio a Silvia, senza mai perdere il sorriso e la passione per questo mestiere.

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: