Economia +

Bonus psicologo: è possibile presentare la domanda

Bonus psicologo: è possibile presentare la domanda

Da oggi, lunedì 25 luglio, aperto dall’Inps il servizio per richiedere di godere del contributo

Un contributo dello Stato fino a 600 euro per sostenere le spese di assistenza psicologica dei cittadini.

Da oggi, lunedì 25 luglio, il cosiddetto “bonus psicologo”, entra finalmente nel vivo, con l’apertura da parte dell’Inps del servizio telematico per richiedere il beneficio.

Non è un “click-day”, perché la priorità è data innanzitutto a chi ha un Isee più basso. Ma la data di presentazione della richiesta entra comunque in gioco per la compilazione della graduatoria.

E il limitato budget di risorse disponibili (complessivi 10 milioni di euro) suggerisce di sbrigarsi, sebbene sia possibile far domanda del contributo fino al 24 ottobre 2022. Il Codacons, criticando la misura, prevede infatti che saranno solo 16 mila coloro che potranno usufruire del bonus.

Bonus psicologo: chi ne ha diritto e quanto vale

La legge 15 del 2022, che istituisce il bonus, prevede espressamente che le Regioni e le Province autonome possano erogare, ai soggetti che ne fanno richiesta, il contributo per le sessioni di psicoterapia fruibili presso specialisti privati regolarmente iscritti all’albo degli psicologi. Il limite massimo di Isee degli aventi diritto è di 50 mila euro.

Il bonus è pari a 50 euro per ogni seduta. La misura massima del beneficio arriva però a 600 euro per chi ha un Isee inferiore a 15 mila euro, salendo a 400 euro tra 15 e 30 mila euro di Isee, con un tetto massimo di 200 euro di contributo per chi si posiziona tra 30 e 50 mila euro.

Il beneficio è riconosciuto una sola volta a chi, come precisa il Ministero della Salute, “nel periodo della pandemia e della correlata crisi economica ha visto accrescere le condizioni di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica.

La domanda e le modalità di fruizione

La circolare Inps 83 del 19 luglio 2022 fornisce anche le indicazioni sulle modalità di presentazione delle domande e sull’erogazione della misura del contributo. La richiesta va presentata esclusivamente in via telematica attraverso il servizio “Contributo sessioni psicoterapia” dell’Inps.

Il servizio è disponibile sul portale web dell’Istituto (richiedendo le credenziali Spid, Cie o Cns per l’inoltro della domanda) o attraverso il contact center integrato al numero verde 803-164 (da rete fissa) o 06-164164 da mobile. La richiesta può essere presentata per se stesso o per un minore, un interdetto, un inabilitato o un beneficiario dell’amministrazione di sostegno (da parte del genitore, del tutore, del curatore o dell’amministratore).

Il 24 ottobre, alla scadenza, l’Inps elaborerà le graduatorie, distinte per Regione, degli aventi diritto in base alle risorse disponibili. Sarà quindi inviato loro un codice univoco da utilizzare entro 180 giorni e da inserire nell’apposita sezione da parte del professionista. Nel caso in cui il bonus non venga utilizzato entro la scadenza, le risorse saranno riassegnate ai primi esclusi che seguono in graduatoria.

Alberto Minazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  bonus