Economia +

Bonus partite iva: click day il 15 settembre

Bonus partite iva: click day il 15 settembre

Decisa la data, ma molti resteranno a mani vuote. I requisiti

E’ stata fissata al 15 settembre la data per il click day delle partite iva.
Solo presentando la richiesta in quel giorno sarà possibile ottenere il bonus di 200 euro già arrivato ad agosto sulle buste paga dei lavoratori dipendenti con reddito al di sotto dei 35 mila euro e ai pensionati.
Tuttavia, non tutti saranno accontentati: secondo Confesercenti, infatti, all’appello mancherebbero 100 milioni di euro.
Considerato che le risorse stanziate sono pari a 600 milioni di euro, saranno solo 3 milioni i lavoratori autonomi che riusciranno a farsi accreditare il bonus.
Gli altri, circa 400 mila partite iva, resteranno escluse.

Chi può richiedere il bonus

Per ottenere il bonus sono previsti dei requisiti.
Innanzitutto, anche per i lavoratori autonomi, c’è una soglia di reddito: nel periodo d’imposta 2021 non dovranno infatti aver superato i 35 mila euro.
I richiedenti dovranno poi risultare iscritti alle gestioni previdenziali INPS oppure, se professionisti iscritti a un ordine, essere già iscritti alle gestioni previdenziali di appartenenza e aver partita iva e attività avviata già alla data di entrata in vigore del Decreto Aiuti, entrato in vigore il 17 maggio.
Devono inoltre “aver già eseguito almeno un versamento contributivo, totale o parziale, alla gestione di iscrizione per la quale è richiesta l’indennità, con competenza a decorrere dall’anno 2020”.

Controlli incrociati per il bonus

La richiesta del bonus deve essere fatta al proprio ente di previdenza, che successivamente potrà andare a verificare la veridicità dei dati forniti.
Il decreto precisa infatti che “l’indennità è corrisposta sulla base dei dati dichiarati dal richiedente e disponibili all’ente erogatore al momento del pagamento ed è soggetta a successiva verifica, anche attraverso le informazioni fornite in forma disaggregata per ogni singola tipologia di redditi dall’amministrazione finanziaria e da ogni altra amministrazione pubblica che detenga informazioni utili”.

Le risorse sono limitate: arriva il click day

Complessivamente, con il Decreto Aiuti Bis, le risorse stanziate a tal fine per tutte le partite iva ammontano a 600 milioni di euro.
Per i professionisti iscritti a un ordine, di questi, ne sono stati stanziati 95,6 milioni.
La formula più accreditata per quanto riguarda le modalità di presentazione della domanda non è stata ancora resa nota ma, secondo fonti di agenzia, le varie casse previdenziali si starebbero organizzando per un click day da programmare per settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Leggi anche: