Economia +

Assegno unico per i figli al via da luglio.

Assegno unico per i figli al via da luglio.

Dal primo luglio parte l’assegno unico.
Approvato dal Consiglio dei Ministri, sarà per i primi sei mesi, quindi fino al 31 dicembre, un “assegno ponte” in quanto erogato fin da subito alle famiglie finore escluse dagli assegni familiari mentre, a partire dall’1 gennaio 2022, diventerà universale.
L’assegno è legato all’Isee fino a 50 mila euro e al numero di figli fino ai 21 anni di età.
L’erogazione massima mensile è 167,5 euro per il primo e il secondo figlio mentre dal terzo figlio in poi l’importo cresce del 30%. Quindi l’importo massimo per le famiglie con due figli è di 335 euro, 653 euro per quelle con tre figli.
L’importo si riduce con il crescere dell’Isee. E si azzera con Isee oltre 50 mila euro.
Fino al 31 dicembre, l’assegno sarà dunque erogato a coloro che  finora sono stati esclusi dagli assegni familiari, percepiti invece dai lavoratori dipendenti. Riguarda quindi quasi 2 milioni di famiglie per le quali sono stati destinati 1 miliardo e 580 milioni dei 3 miliardi a disposizione. L’altra metà andrà ai 4 milioni di famiglie che comunque, fino a gennaio 2022, continueranno a ricevere gli assegni familiari.
Per poter richiedere l’assegno bisogna avere la cittadinanza italiana, europea, extraeuropea, esser titolare di diritto di soggiorno, o di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo, pagare le tasse in Italia, esser residente da almeno due anni anche non continuativi e domiciliati in Italia con i figli a carico fino al compimento del diciottesimo anno. O ancora esser titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato della durata di almeno sei mesi.
La domanda può esser presentata  in via telematica all’Inps o presso Caf e Patronati, secondo le modalità che Inps indicherà entro il 30 giugno 2021.
L’assegno viene erogato a decorrere dallo stesso mese di presentazione della domanda mediante accredito su Iban bancario, con l’eccezione delle famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.