Arsenale di Venezia: sempre più spazio artistico

Radici sopra la Terra, Simonetta Riccardini
Nella foto in alto: “Radici sopra la Terra” di Simonetta Riccardini

Lo spazio Thetis si arricchisce di nuove installazioni che trovano posto anche nel Parco e negli antichi restaurati ex capannoni

Un modo per valorizzare gli spazi e renderli fruibili da veneziani e turisti. Allo Spazio Thetis la collezione permanente diventa più grande arricchendosi di nuove installazioni. Forse non tutti sanno che nel più antico complesso di cantieri navali della Serenissima è possibile trascorrere qualche ora immersi in una magica atmosfera.

Arsneale
L’ Arsenale a Venezia

Da un lato si respira il fascino antico del luogo storico, dall’altro la contemporaneità, con le opere che trovano posto nel Parco e negli antichi restaurati ex capannoni. Scopriamo insieme quali.

Nuove opere contemporanee in Arsenale

Si chiama “Radici sopra la Terra” una delle ultime installazioni collocate nello spazio Thetis, hub dell’arte contemporanea nell’Arsenale Nord. L’opera dell’artista Simonetta Riccardini è un lavoro che invita alla riflessione sull’atteggiamento che gran parte dell’umanità ha avuto nei confronti del resto del pianeta fino ad oggi. Gli alberi diventano così i portavoce del pensiero alla base della creazione artistica. Le radici sradicate ci aiutano a ricordare che non siamo soli sulla terra e lanciano un messaggio di speranza: Il seme custodito al loro interno è simbolo della possibile rinascita di una nuova pianta, di un nuovo futuro.

I risplendenti Velieri, Gianmaria Potenza

Nella Sala conferenze hanno trovato posto “I risplendenti Velieri” di Gianmaria Potenza. L’opera, di grandi dimensioni, è stata realizzata nel 1964 con la tecnica della pirografia su legno con foglia d’oro. Il lavoro presenta i personalissimi segni grafici che caratterizzano tutta la produzione del famoso artista veneziano. L’opera ritorna oggi a Venezia, la sua casa, dove è nata. Inizialmente è stata ideata per evocare il mare e commissionata per la sede di Bari del Banco di Roma, che aveva incaricato Potenza di realizzare grandi opere per le sedi dell’istituto in tutto il mondo. Successivamente acquisita da un collezionista privato, è ora possibile ammirarla in tutto il suo splendore nella sua città.

Labirinto per gatti, Sarah Revolterra

Nel Parco di Thetis, in questo periodo nel suo massimo splendore arboreo e floreale è tornata anche la creativa Sarah Revoltella. L’artista sta controllando e sistemando la sua opera: 500 piante di bosso che costituiscono il “Labirinto per gatti”.

“Friends”

Si tratta della mostra aperta allo spazio Thetis la scorsa estate. Un’esposizione che riunisce decine di artisti, performers e creativi e che continua in un progetto che si amplia sempre più grazie a nuove collaborazioni che portano in Laguna nuove opere contemporanee.

La collezione permanente include “Il terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, “L’uomo che misura le nuvole” di Jean Fabre, le “Pietre sonore” di Pinuccio Sciola e “Le Sentinelle” della grandissima Beverly Pepper recentemente scomparsa. Queste opere assieme alle altre e le nuove installazioni che ne fanno parte sono aperte al pubblico previa prenotazione ai numeri 331 5265149 e 348 0171569.

 

 

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: