Servizio idrico: di Veritas la migliore best practice italiana

Massimiliano Hiche durante la Conferenza Esri Italia
Nella foto in alto: Massimiliano Hiche, CFO Veritas, durante la Conferenza Esri Italia

La gestione del servizio idrico veneziana è un’eccellenza riconosciuta a livello nazionale. Lo conferma il premio ricevuto nel corso della Conferenza Esri Italia da Veritas, gestore unico del servizio nel territorio del bacino idrico della Laguna di Venezia.

Il Premio Esri ricevuto da Veritas per la best practice nazionale nel settore delle soluzioni e delle tecnologie geospaziali

IL PREMIO ESRI

La Conferenza Esri è l’evento più articolato e completo, nel panorama italiano, per quanto riguarda il settore delle soluzioni e delle tecnologie geospaziali. In questa occasione, si presentano e si premiano le esperienze più avanzate e significative. Nell’evento all’hotel Ergife di Roma, quella di Veritas è stata riconosciuta come migliore best practice italiana, insieme a quelle di Regione Lombardia, Milano Smart City ed Aeroporti di Roma.

“Veritas: la digital transformation del servizio idrico” è il titolo che è stato scelto per raccontare il buon esempio dell’agenzia multiservizi veneziana. A cui il riconoscimento è stato assegnato (e ritirato dal CFO, Massimiliano Hiche) proprio per la trasformazione digitale e le soluzioni innovative messe in atto nella gestione del servizio idrico integrato.

LA GESTIONE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO IDRICO

La soluzione adottata da Veritas, una delle poche aziende italiane del settore che abbiano digitalizzato l’intera rete idrica, è tecnologicamente all’avanguardia. In pratica, significa non solo avere mappe delle tubature, ma che queste siano inserite in un sistema digitale. Il progetto è partito nel 2016. Da un lato consente di arricchire il patrimonio informativo delle reti: da quella idrica (in cui ci sono anche tubature che hanno oltre un secolo di vita) a quella industriale; da quella fognaria a quella antincendio (la più “facile”, in quanto più corta e recente). Dall’altro, rende disponibili le informazioni cartografiche a tutto il personale tecnico che opera sul campo, integrandolo con gli altri sistemi aziendali.

La rete idrica digitalizzata è già operativa praticamente sull’intero territorio metropolitano. Sono 800.000 i residenti (più circa 400.000 turisti) interessati, nel 36 Comuni in cui opera Veritas. Ma si tratta di un lavoro fatto a stralci e continuamente “in itinere”. La rete è infatti continuamente manutenuta e, in caso di migliorie o modifiche, queste sono immediatamente registrate nel sistema.

I BENEFICI DELL’INNOVAZIONE

Quali sono i vantaggi che derivano dal nuovo sistema di gestione? Maggior precisione e velocità in caso di necessità, grazie alla localizzazione con il GPS. Riduzione dei tempi, soprattutto in caso di interventi non programmati. Gli operatori hanno infatti disponibile in tempo reale, su un tablet, la banca dati delle tubature, comprese le loro dislocazioni, e delle connessioni degli elementi della rete.

Ma il sistema offre anche la possibilità di simulare interruzioni del flusso idrico, rotture di componenti o cambio dei pezzi. Gli operatori, così possono operare con ancor maggior sicurezza quando intervengono sulle condotte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter