Uncategorized +

UNA GRANDE OCCASIONE DA SFRUTTARE

UNA GRANDE OCCASIONE DA SFRUTTARE

Metrop_02_Editoriale

Gli sviluppi metropolitani uniti al ruolo da protagonista che il nostro territorio avrà in occasione dell’Expo, rappresentano un’opportunità da non perdere

«Nei progetti delle metropoli del futuro, si vede sempre più spesso apparire il modello veneziano». Suonano sorprendentemente profetiche le parole di Italo Calvino, datate 1974, e contenute nel suo saggio “Venezia archetipo e utopia della città acquatica”. Chiaramente il suo riferimento di allora era esclusivamente al centro storico veneziano eppure fa specie riscontrare che Calvino indicasse Venezia addirittura come un modello da seguire per le metropoli del mondo e identificasse nell’acqua un elemento di unione. Esattamente quarant’anni dopo, il termine metropoli associato all’area veneziana è quanto mai d’attualità. Un’area che oggi vuol comprendere anche Padova e Treviso fino ad arrivare alle nostre splendide Dolomiti, per mettere in rete le tante eccellenze e potenzialità che caratterizzano il nostro territorio al fine di essere competitivi su scala internazionale. Ad aprire la riflessione sul tema ci pensano, in questo numero de Il Metropolitano, tre opinionisti illustri come il sociologo Vittorio Filippi che analizza le dinamiche demografiche della nostra area, il geografo Carlo Rubini da decenni osservatore attento degli sviluppi metropolitani e l’economista Stefano Micelli che approfondisce opportunità derivanti dall’istituzione della nuova realtà metropolitana. Ma per favorire questo sviluppo numerose sfide devono ancora essere vinte. Le problematiche che emergono sono legate soprattutto alla connettività tra le persone e queste si traducono in: esigenza di mezzi di trasporto rapidi, efficienti, cadenzati e coordinati fra loro; necessità di essere al passo con i tempi in termini di connessione digitale ovvero poter contare su infrastrutture digitali adeguate.
Per questo motivo, in questo numero de Il Metropolitano, abbiamo dedicato ampio spazio ad una inchiesta sul trasporto locale mentre un approfondimento sul tema della “banda larga” in Veneto è già in lavorazione per la prossima uscita. Un bel banco di prova sotto tutti i punti di vista sarà rappresentato dall’Expo del 2015 per il quale il nostro territorio si candida ad essere protagonista e potrà sfruttare l’occasione per imparare una lezione di dialogo con il mondo utile anche per il domani.
Uno straordinario stimolo soprattutto per la sfera imprenditoriale che ha l’opportunità di ripensare il proprio modo di proporsi ed essere ulteriormente competitiva su scala non solo locale ma anche internazionale. Insomma una grande occasione di rilancio per la nostra economia che va sfruttata in tutto e per tutto. Perché, sempre per usare le parole di Italo Calvino, “È in questo quadro che va visto il futuro di Venezia. Considerarla nel suo fascino storicoartistico è cogliere solo un aspetto, illustre ma limitato. La forza con cui Venezia agisce sulla immaginazione è quella d’un archetipo vivente che si affaccia sull’utopia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.