Sant’Erasmo: una variante urbanistica per il rilancio dell’isola

Sant-Erasmo-dal-vaporetto

Sant’Erasmo, gioiello della laguna veneta, seconda isola per estensione dopo Venezia, è pronta per la rivalorizzazione.
Il via alla rinascita di questo splendido polmone verde viene dalla variante 18 al Piano degli Interventi. .
Il provvedimento, voluto dall’amministrazione comunale per far sì che gli abitanti restino e che di nuovi ne arrivino, riguarda esclusivamente quest’isola e quella delle Vignole

 

La chiesa di Sant’Erasmo, Venezia

LA PRESENTAZIONE AI RESIDENTI DI SANT’ERASMO

“Per troppi anni – ha spiegato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro all’incontro con i cittadini – Sant’Erasmo è stata vittima della burocrazia, che impediva la possibilità di svilupparsi dando la colpa all’ambiente o alla paesaggistica. Ora che abbiamo rimosso tante norme e normette è finalmente possibile ridare nuova vita all’isola”.

L’assessore all’Urbanistica e all’Ambiente Massimiliano De Martin ha sottolineato l’importanza strategica di questa variante pianificata ascoltando il territorio in modo che le norme previste permettano di ampliare le abitazioni e di sviluppare le attività in maniera più fluida e veloce.
“Questa variante è una grande opportunità per Sant’Erasmo – hanno evidenziato anche i consiglieri delegati alle Tradizioni Giovanni Giusto ed ai rapporti con le isole Alessandro Scarpa “Marta”- Qui si custodisce la tradizione veneziana e i vostri figli, se lo vorranno, potranno crescere rimanendo qui”.

 

Agricoltura a Sant’Erasmo

GLI OBIETTIVI DELLA VARIANTE: SVILUPPO, RESIDENZIALITA’, AGRICOLTURA

Gli obiettivi degli interventi a Sant’Erasmo e Vignole sono quelli di  favorire il mantenimento della residenza in isola e di rivitalizzare il tessuto sociale ed economico.
La delibera contiene misure a favore dello sviluppo, della residenzialità, dell’artigianato e dell’agricoltura.
Quest’ultima è
vocazione storica di Sant’Erasmo, considerata l’”Orto di Venezia” con i suoi tipici prodotti come il conosciutissimo carciofo violetto e i suoi vigneti.
La nuova pianificazione urbanistica  intende facilitare l’inserimento di nuove attività e servizi per i cittadini. 
Questo promuovendo anche la multifunzionalità in agricoltura, facilitando i processi di trasformazione degli edifici esistenti per adattarli alle esigenze delle famiglie o delle attività agricole, commerciali, artigianali e turistico-ricettive.
I vincoli finora esistenti hanno reso impossibile negli anni interventi sulle strutture  utlizzabili per tali scopi.

 

Coltivazione di carciofi violetti a Sant’Erasmo

UN PICCOLO MERCATO E DEI CHIOSCHI

Nella delibera, già approvata in giunta e che ora attende il via libera anche dal Consiglio comunale, si individua anche un’area pubblica dove si realizzarà una struttura per far conoscere i prodotti locali.

Si rilasceranno inoltre in tre zone circoscritte (area della chiesa, della Torre Massimiliana e di Punta Vela) concessioni su area pubblica per l’insediamento di tre chioschi commerciali.

 

Torre Massimiliana Sant’Erasmo, Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter