fbpx

Rinnovato il gemellaggio tra Venezia e i pompieri di New York

Vvf-NY

La tradizione è stata inaugurata nel 2002, l’anno successivo al tristemente indimenticabile 11 settembre che ha cambiato la storia: anche quest’anno, in occasione della Regata Storica, la Città di Venezia ha voluto rinnovare il gemellaggio con il Fire Department New York (FDNY), cioè i pompieri della Grande Mela.

Gli eroi delle Torri gemelle hanno così rimarcato il rapporto di amicizia anche con i colleghi lagunari. «Venezia e New York sono due realtà completamente distinte, così diverse tra loro con le loro specificità, e quindi ognuna con particolari tecniche e sistemi da adottare per spegnere e prevenire gli incendi. Ma, proprio per questo, con interessanti motivi per scambiarsi conoscenze ed esperienze e anche per un rapporto culturale e sportivo che si allarga a tutta la città», ci spiega Joseph Depaola, capo delegazione.

La settimana di permanenza a Venezia del gruppo di Vigili del fuoco newyorkesi è culminata, il giorno precedente la Regata Storica, con la sfida remiera a Murano (vinta quest’anno dai Vigili dei fuoco veneziani, che hanno riscattato la sconfitta dell’anno precedente). «Abbiamo fin da subito pensato a un elemento per creare un rapporto autentico con la città: l’acqua. Remi, barche, spirito sportivo e di amicizia. I nostri amici americani ne sono stati entusiasti», racconta Giuseppe “Bepi” D’Este, ideatore e ispiratore dell’iniziativa nata nel 2002.

Giuseppe “Bepi” D’Este con un vigile del fuoco di New York

«Il Fire Department – riprende Depaola – già disponeva di un gruppo remiero, ma per la voga all’inglese; poi, nel 2008, Venezia ci ha portato una gondola in segno di fratellanza. Abbiamo dovuto formare dei veri gondolieri per portarla sull’Hudson, ci aiutò un altro amico di Burano, Bepi “Suste”. Ora i Vigili del fuoco di New York hanno anche i propri gondolieri. Partecipare alla sfida di mascarete o magari dei gondolini? Credo che sia più facile spegnere un incendio a Manhattan o Brooklyn».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter