Economia +

Ristori: bando regione Veneto per settori in difficoltà

Ristori: bando regione Veneto per settori in difficoltà
Palazzo Balbi regione Veneto

E’ di oltre 18 milioni di euro il valore finanziario del bando promosso dalla Regione del Veneto per aiutare le categorie che sono state messe in ginocchio dalla seconda ondata del Covid-19.
Il bando, che sarà online a partire dal 10 febbraio , ha l’obiettivo di fornire ristori alle imprese e alle filiere maggiormente danneggiate dalle restrizioni.
Realizzato in collaborazione con Unioncamere veneto, che ha messo a disposizione uno dei milioni destinati alle aziende, il bando “arriva in un momento cruciale – dice il presidente regionale di Unioncamere Mario Pozza – come segnale positivo in un momento difficile per le nostre aziende, che hanno più che mai bisogno di certezze”.
Proprio a Uniocamere Veneto, in virtù di un accordo di programma sottoscritto con la regione, è affidata la gestione operativa del bando.

Un’economia da rilanciare

Che la situazione delle aziende sia critica è evidente a tutti. I dati, però, sostanziano una realtà alla stremo.
Secondo una recente indagine su scala nazionale dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre le agenzie di viaggio e i tour operator hanno perso il 73,2%; le attività artistiche, le palestre, le piscine, le sale giochi, i cinema e i teatri il 70%; gli alberghi e gli alloggi il 53%; i bar/ristoranti il 34,7.

Dati che preoccupano ancor più se rapportati a quelli raccolti da Confesercenti veneto. Sulla base di 400 questionari inviati ai propri associati, l’associazione ha rilevato come un commerciante su due preveda che il 2021 sarà peggiore del 2019 e 1 su 3 stimi una perdita di ricavi dal -10 al -50%.

Chi puo’ partecipare al bando

Le imprese e le filiere ammesse al bando devono, come requisito fondamentale, avere la propria sede in Veneto all’atto della richiesta di ristoro e devono essere iscritte al registro delle imprese. Devono operare nelle filiere e nei settori individuati da specifici codici Ateco che saranno elencati nel testo del bando.

I ristori previsti dal bando sono riservati a alla filiera eventi (congressi, matrimoni, cerimonie, etc.), agli ambulanti con posteggi in aree di eventi, stadi (cosiddetti fieristi), alla filiera trasporti persone; alla filiera dello sport, intrattenimento, parchi divertimento e tematici (incluse le attività dello spettacolo viaggiante), alla filiera attività culturali e spettacolo, al commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, libri e articoli di cartoleria e agli esercizi all’interno di centri o parchi commerciali la cui attività è stata sospesa per effetto del DPCM 24 ottobre 2020 e successivi o delle successive ordinanze del Presidente della Giunta regionale del Veneto.

Negozi e attività chiuse Venezia- Covid19
Negozi e attività chiuse Venezia- Covid19

Le scadenze del bando

Sarà possibile partecipare al bando dalle ore 10.00 del giorno 10 febbraio 2021 e fino alle ore 17.00 del giorno 3 marzo 2021.
Tutte le domande presentate in possesso dei requisiti saranno finanziate fino a esaurimento delle risorse disponibili.
Le informazioni relative al bando saranno disponibili nell’home page del sito internet  della Regione Veneto.

Valentina Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  ristori, Veneto