Economia +

Tornano i mega-yacht: Venezia e Genova mete gettonate

Tornano i mega-yacht: Venezia e Genova mete gettonate
Il mega yacht "Bravo Eugenia" a Venezia

Un cinema, due piazzole per elicotteri, una spiaggetta.
Tanto per cominciare, perché – sappiatelo – non finisce certo qui. Le “grandi navi”, tecnicamente, sono altre.
Ovvero i colossi da crociera, vere e proprie cittadelle viaggianti che solcano i mari e gli oceani di tutto il mondo.
Ma come definire, allora, i mega-yacht? Quelli che, ennesimo segnale di un ritorno verso la normalità pre-pandemia, hanno tornato a riaffacciarsi sulle nostre località di mare, da Venezia a Genova?

Venezia e il “Bravo Eugenia”

Le due città, infatti, stanno ritornando mete gettonate dei gioielli del mare.
A Venezia, tra questi, ha attraccato in Riva Sette Martiri, nei giorni scorsi, un’autentica meraviglia:  il“Bravo Eugenia”.
Una “barchetta” da 250 milioni di dollari, con tre “ponti” e lunga 357 piedi. Cioè 109 metri. Più del campanile di San Marco, tanto per fare un esempio spostando di poco lo sguardo. A potersela permettere è Jerry Jones, il patron della squadra professionistica di football americano dei Dallas Cowboys.

mega yacht
Il mega yacht “Bravo Eugenia” a Venezia @Ornella Lazzarini

Tra le altre dotazioni, oltre al cinema, alla spiaggia e alle due piazzole per elicotteri, una palestra completa, una piscina per bambini, sauna, bagno turco, beach club e un garage per ospitare il tender. Lanciata da Oceanco nel 2018 come barca con la miglior efficienza idrodinamica della classe e sistema di propulsione ibrido ottimizzato, presenta il layout esterno firmato dallo studio Nuvolari-Lenard, mentre gli interni sono firmati da Reymond Langton Design. Uno yacht innovativo che, sfruttando il design allungato “Life”, consuma meno carburante e minimizza l’impatto sull’ambiente.

Genova e “Artefact”

A confronto, anche “Artefact”, approdato nelle stesse ore al molo dei magazzini del Cotone del porto antico di Genova, potrebbe quasi sembrare una sorta di fratello minore. Eppure sempre di maxi-yacht si parla, visto che la barca realizzata dai cantieri tedeschi Nobiskrug, specialisti del settore, è lunga 80 metri e costa 150 milioni di dollari. Anche in questo caso, dunque, il proprietario è un ultramiliardario: il greco-canadese Mike Lazaridis, fondatore di Blackberry. A bordo, cinema, spa, palestra e area per il tai-chi.

mega yacht
Artefact @ Nobiskrug

Il design interno, curato da Pascale Reymond, si basa sull’utilizzo soprattutto di legno e stoffe naturali. All’esterno, su uno scafo in acciaio sono invece utilizzati vetroresina e vetro. Anche “Artefact” è pensato in un’ottica ambientalistica, con alimentazione totalmente ibrida, pannelli solari e un sistema di accumulo di energia, che consentono una certa autonomia di movimento senza l’utilizzo dei motori a combustione.

Lo “storico” Marala

Pur con gli occhi sgranati di fronte ai recenti prodigi della nautica, la conferma che gli scali italiani conservano il loro appeal e si confermano punto di riferimento nei confronti degli appassionati del settore arriva anche da altre imbarcazioni. Meno avveniristiche ma non per questo meno affascinanti. Come avviene da decenni, ad esempio, nei giorni della Biennale e della riapertura di tante mostre è tornato a Venezia ancora una volta lo storico “Marala”. Uno yacht che ha mantenuto nei decenni inalterata la propria classe.

mega yacht
@ Camper & Nicholson

Già appartenuta a monsieur De Balcani, ex marito di Gabriella di Savoia, per il 55 metri costruito originariamente nel 1931 (anche se poi aggiornato nel corso degli anni) quello con le sponde lagunari è un appuntamento praticamente immancabile. E poco conta che, a bordo, possa ospitare “solo” 13 persone e 18 membri dell’equipaggio: rimane immutato il fascino che insorge spontaneo ogni volta che lo yacht decide di sostare a Venezia.

Alberto Minazzi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  nautica