Salute +

Mascherine: prorogato per un mese l’obbligo in ospedali e Rsa

Mascherine: prorogato per un mese l’obbligo in ospedali e Rsa
medici

Dal 1 ottobre stop all’utilizzo su treni, autobus, metro

E’ stato prorogato fino al 31 ottobre l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali incluse le strutture di ospitalità e lungodegenza e le residenze sanitarie assistite (Rsa), oltre agli hospice , le strutture riabilitative e quelle residenziali per anziani, anche non autosufficienti.

Lo rende noto il Ministero della Salute. Il ministro Roberto Speranza ha infatti firmato l’apposita ordinanza, in considerazione del fatto che le norme in vigore scadono il 30 settembre.

Mezzi di trasporto: nessuna proroga

Se chiunque vorrà accedere a queste strutture sanitarie dovrà indossare la mascherina, nessuna proroga è stata invece prevista per quanto riguarda i mezzi di trasporto sui quali l’obbligo di indossarla decade da sabato 1 ottobre.

Un’altra scadenza arriverà invece con la fine del mese di ottobre quando cesserà il vigore dei protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Per quanto riguarda il Green Pass rimane infine obbligatorio fino a fine anno per operatori sanitari, persone ricoverate e visitatori negli ospedali e residenze per anziani.

Crescono i casi di Covid

Decade dunque una delle ultime misure di contenimento della pandemia, anche se il numero dei contagiati è tornato a indicare un andamento in crescita. Il bollettino di ieri, 29 settembre, del Ministero della Salute segna 37.552 nuovi casi e 30 decessi.

terapie intensive
terapia intensiva

Crescono i ricoverati sia in terapia intensiva (+2), sia nei reparti ordinari (+134). Aumentano di 16.772 unità anche le persone attualmente positive. Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe indica che i contagi sono cresciuti del +34% in una settimana, mentre solo del +4,5% i ricoveri nei reparti ordinari. In calo, sempre su base settimanale, i pazienti in terapia intensiva che segnano un -14,7% e i morti con -8,1%.

Quarta dose di vaccino a rilento

Sul fronte della vaccinazione non decolla la campagna per la somministrazione della quarta dose alla popolazione fragile e agli over 60. A ieri infatti l’ha ricevuta solo il 17,17% della popolazione di riferimento. In particolare, nelle 24 ore tra mercoledì e giovedì sono state effettuate poco più di 30 mila inoculazioni, di cui 26 mila quarte dosi.

covid autunno

Per questo il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta ,auspica che «il nuovo Governo ribadisca in maniera netta le raccomandazioni fondamentali, già fornite da Oms Europa: effettuare con priorità massima il secondo richiamo ad anziani e fragili, visto che l’efficacia vaccinale nei confronti della malattia grave inizia a declinare dopo 120 giorni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  covid, mascherine