fbpx

Madonna della Salute, Madonna della Salvezza

E’ stato inaugurato a Venezia il ponte votivo della Madonna della Salute.
L’apertura ufficiale del ponte sul Canal Grande da parte del sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, del patriarca Francesco Moraglia e delle autorità civili e militari assume quest’anno un valore quanto mai simbolico per Venezia ed è per questo stato un momento molto atteso.


Proprio in questa settimana di passione per la città, che con le diverse maree eccezionali, ma soprattutto nella notte del 12 novembre, è stata messa a dura prova, alla Madonna della Salute si era rivolto il patriarca Moraglia invocandone l’aiuto con una preghiera che nei social è diventata virale tra i veneziani.

Giovedì 21, giorno di ringraziamento alla Madonna per aver salvato la cittadinanza dalla tremenda peste che nel 1600 aveva dilaniato Venezia, sarà quindi occasione per i credenti di recarsi nella chiesa eretta nel 1630 dalla Repubblica Serenissima per voto, per ringraziare una seconda volta per aver salvato Venezia dalle maree eccezionali che l’hanno devastata negli ultimi giorni.

La Festività della Madonna della Salute è una delle più sentite a Venezia. Come di tradizione, ogni anno viene realizzato un ponte votivo all’altezza del traghetto tra Santa Maria del Giglio e San Gregorio. I fedeli, in pellegrinaggio, raggiungono così la chiesa progettata dal Longhena portando un cero alla Madonna.

Un’ordinanza per garantire la sicurezza e la circolazione

A partire dalla benedizione del ponte della Salute, e fino alle ore 6 di venerdì 22 novembre il traffico, nel caso in cui ci fosse un afflusso di persone tale da compromettere la circolazione, potrà essere deviato. Sarà interdetto il passaggio sul ponte nel caso in cui la marea dovesse superare i 115 cm. La Polizia municipale rende noto infine che potrà “disporre la sospensione, anche parziale, delle occupazioni di suolo pubblico, o il temporaneo spostamento dello stesse al fine di garantire la pubblica incolumità”.

Il pellegrinaggio

La Messa solenne, celebrata dal  Patriarca Francesco Moraglia sarà come di consuetudine quella di giovedì 21 novembre alle ore 10.00.
Già nel pomeriggio di mercoledì, però, lo stesso patriarca guiderà il pellegrinaggio diocesano dei giovani, che si troveranno alle 18:15 in Piazza San Marco per dirigersi alla chiesa della Madonna della Salute. Ad accompagnarsi a loro ci sarà anche la missionaria saveriana suor Maria Angela Bertelli, che porterà ai fedeli una testimonianza del suo lungo impegno in Africa e in Thailandia. Il tema del pellegrinaggio di quest’anno è “Madre, fiducia nostra”.

 

 

Il marmo bianco e la peste nera

In occasione della festività della Madonna della Salute, sarà presentato all’interno del Seminario Patriarcale alla Salute  il libro “White Marble and the Black Death. Il marmo bianco e la peste nera” sulle opere dell’altare maggiore della basilica pubblicato da Marsilio Editore con il sostegno di Venetian Heritage.
La chiesa della Salute fu eretta nel 1630 ma fu solo nel 1670 che la Serenissima affidò a un artista la decorazione del presbiterio e dell’altare maggiore.
Si trattava di uno sculture fiammingo, Giusto Le Court, da poco giunto in laguna da Amsterdam. Con lui si inaugurò la stagione della scultura barocca veneziana.

La chiesa della Madonna della Salute

A forma “di corona”, la chiesa della Madonna della Salute richiese qualche decennio per essere completata.
Fu consegnata infatti al Patriarca Alvise Sagredo  e alla città solo nel novembre del 1687.
Al suo interno, la “Madonna nera”, l’icona bizantina della Madonna “mediatrice di pace” alla quale ogni anno i veneziani rinnovano il loro ringraziamento e le loro preghiere.

Le celebrazioni del 21 novembre

Gioved’ 21 novembre la chiesa della Madonna della Salute resterà aperta dalle ore 06:00 alle ore 20:00. Le messe si susseguiranno ogni ora ininterrottamente.
La celebrazione di compieta (preghiera della sera) si terrà invece alle ore 22:00.

Altre messe sono previste per venerdì 22 (ore 10:00/11.00/15:00/16:00), quando alla Madonna della Salute sarà dedicato, alle 17:00, anche un omaggio musicale.
Ancora celebrazioni sabato 23 (ore 10:00/15:00/16:00/17:00) e domenica 24 (ore 09:00/10:00/11:00)

Madonna della Salute anche in terraferma

A Mestre il santuario diocesano della Madonna della Salute sarà aperto mercoledì 20 tutto il giorno  fino alle 18:00, così come, ovviamente, giovedì 21, quando, al termine delle celebrazioni previste per la giornata (una messa ogni ora dalle 07:00 fino alle 12:00 e poi ancora dalle 15:00 fino alle 19:00) ci sarà la benedizione dei bambini.  Dalle 13:00 alle 15:00, invece, ci sarà la recita del Rosario.

Un libro sulla Madonna della Salute anche a Mestre

Venerdì 22 novembre (ore 20:45), nel Santuario della Madonna della Salute di Mestre sarà consegnato il libro “La Madonna della Salute di Mestre. Da Oratorio dei Battuti a Santuario diocesano” (Marcianum Press editore), realizzato a più mani a un anno dalla chiusura degli importanti lavori di restauro dell’edificio. Al termine della consegna, ci sarà un concerto di musica sacra con il Quartetto d’Archi “Ensemble Note Venete e il Coro femminile “Santa Chiara” di Scaltenigo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: