Le imprenditrici venete fanno rete

donne al lavoro

3.200 donne hanno unito le loro forze per ripartire insieme dopo il difficile periodo vissuto durante la pandemia. E arriva il premio Bartolini

Barbara De Marchi è la titolare di uno Studio di consulenze peritali e assicurative di Venezia. Con lei ci sono altre 6 imprenditrici della nostra regione dalle province di Padova, Treviso, Rovigo, Vicenza, Belluno e Verona. 7 donne che svolgono le loro attività in vari ambiti dalla ristorazione ai centri benessere, all’arredamento alla consulenza aziendale e formazione. Hanno messo assieme le loro professionalità per fare rete e sostenere il ruolo delle donne nell’economia. E’ nato così il gruppo “Imprenditrici Venete” che conta già 3.200 aderenti.

L’unione fa la forza

Il gruppo è nato per valorizzare le eccellenze produttive e commerciali delle imprenditrici del Veneto a livello locale ma anche nazionale ed internazionale. Un obiettivo che si può raggiungere attraverso la condivisione di conoscenze, strategie e risorse.

Ciascuna delle partecipanti all’iniziativa attraverso la sua storia lavorativa nel settore di competenza, il suo talento e capacità produttiva, porta a conoscere l’imprenditoria femminile, a sostenere il ruolo femminile nell’economia e a mettere in relazione tra loro le varie attività svolte da donne.

Per aderire al gruppo è necessario iscriversi gratuitamente con il proprio account personale alla pagina Facebook dedicata al gruppo Imprenditrici Venete (www.imprenditricivenete.it)

Un network, una App e Crowdfunding per valorizzare l’imprenditoria femminile

La costruzione di un network attraverso il gruppo di Facebook consente di raggiungere tante imprenditrici che possono valorizzare le loro attività attraverso la condivisione della loro storia imprenditoriale e delle loro proposte di prodotti e servizi. E’ stata anche creata una App dedicata per i dispositivi Android – e presto arriverà anche per quelli IOS – che si può scaricare gratuitamente dal sito.

Dal 13 maggio è attivo anche un Crowdfunding per la raccolta di fondi a sostegno del gruppo (https://www.facebook.com/donate/2845062045563273/)

Il premio Lucia Bartolini

Rimanendo in ambito imprenditoriale femminile ma non solo, è aperto il bando per partecipare alla prima edizione del “Premio Lucia Bartolini”. Ha preso il via il concorso indetto dalla consigliera di Pari Opportunità metropolitana di Venezia Silvia Cavallarin in collaborazione con la consigliera di Parità provinciale di Rovigo.

Con questa iniziativa si invitano le realtà produttive, di promozione sociale e volontariato, le organizzazioni sindacali, datoriali e professionali ad illustrare il loro contributo per migliorare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e nei livelli decisionali.

Il premio è dedicato a Lucia Bartolini, giudice del distretto della Corte d’Appello di Venezia, presso i tribunali di Bassano del Grappa e Treviso, dal 2008 nel capoluogo lagunare in qualità di giudice del Tribunale del Riesame, scomparsa prematuramente nel 2015. Un esempio di talento femminile speso a servizio della giustizia e della collettività.

Premi speciali a chi ha mitigato gli effetti negativi della pandemia

«Con questa iniziativa – spiega la consigliera di Pari Opportunità metropolitana di Venezia Silvia Cavallarin – si conclude un percorso avviato tre anni fa che vuole portare a rimuovere gli ostacoli riguardo la parità di genere e valorizzare i talenti femminili. Il tutto inserito nelle politiche di conciliazione vita – lavoro e partecipazione delle donne al mercato produttivo.

Mai come in questo periodo le donne sono state in prima linea nell’emergenza sanitaria ma anche nel sociale, nel settore assistenziale e soprattutto in casa affrontando situazioni difficili di conciliazione tra occupazione e cura dei figli. Il premio è destinato alle buone pratiche del territorio per migliorare la partecipazione femminile in ogni ambito lavorativo e nei livelli decisionali e accrescere l’occupazione delle donne.

Ph. © Andrea MEROLA

E’ rivolto ad enti e organizzazioni, pubbliche e private, produttive e di servizio, comprese le realtà del terzo settore dell’area metropolitana di Venezia e dell’area vasta di Rovigo. La domanda di partecipazione dovrà pervenire entro il 30 settembre. Tutte le informazioni e la modulistica si trovano nel sito: https://consiglieraparita.cittametropolitana.ve.it sezione Premio Lucia Bartolini

Sabrina Pigozzo al lavoro nella sua bottega artigiana a Venezia

Un’apposita giuria in fase di costituzione selezionerà le domande pervenute e assegnerà anche due premi speciali in riferimento all’emergenza Covid-19 destinati ad Azienda Resiliente e Persona Resiliente.

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: