Società +

La pizza della discordia. La battaglia sui social

La pizza della discordia. La battaglia sui social

“Fieri di essere la capitale della pizza nel mondo”.
Napoli? No. Chicago.
L’affermazione, che ha scatenato innumerevoli reazioni sui social da parte degli italiani e in modo particolare dei napoletani, è stata pubblicata su Twitter in occasione del World Pizza Day il 9 febbraio.

 

Tweet città di Chicago- Salvatore Esposito
Tweet città di Chicago- Salvatore Esposito

La querelle su quale sia la vera capitale della pizza ha coinvolto anche qualche volto noto, come quello dell’attore italiano Salvatore Esposito (Gomorra), che non ha mancato di commentare l’autoproclamazione di Chicago con un “Dopo Napoli amici miei!”.

Neanche il tempo di chiudere una “bega”, se ne è aperta un’altra.
Ad accendere i fuochi, questa volta, è stato niente di meno che il governatore del New Jersey Phil Murphy.
Forse ignaro della disputa tra Chicago e Napoli o semplicemente indifferente alle rivendicazioni altrui, ha a sua volta proclamato al mondo “Orgogliosi di essere la capitale mondiale della pizza”.
Un annuncio che ha spiazzato ancor di più, anche se accompagnato da un’immagine di una pizza di tutto rispetto.

Tweet governatore New Jersey Phil Murphy
Tweet governatore New Jersey Phil Murphy

Realizzato con farina 00 o con farine integrali, lievitato 24 o 48 ore, soffice o croccante, questo capolavoro che mette d’accordo tutti a tavola, divide quindi il mondo nei social.
Almeno nel giorno delle sue celebrazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.