fbpx

Fresca di fontana

2

Acqua a km zero.

Non inquina, non costa, è tra le migliori in Italia

 

Ci sono tanti modi per rispettare Venezia.
Uno fra questi consente anche di risparmiare e di evitare l’arsura di questi caldi giorni di fine estate avendo a disposizione acqua sempre fresca.
Come? Semplice. Ricaricando le proprie borracce o bottigliette con acqua di fontana.
Sapete quante sono le fontane della Serenissima? 201.
Da centinaia di anni continuano a funzionare regolarmente, distribuendo acqua potabile che, come sgorgasse da una sorgente,  arriva da una sessantina di pozzi che si trovano a una profondità di oltre 220 metri.
E’ acqua buona, fresca, periodicamente controllata.

Le Fontane di Venezia

Oggi, fra tutte, le fontane attive sono 141.
Un numero importante, che consente di passeggiare da una parte all’altra della città senza restare “a secco” e, soprattutto, di non riempire i cestini di plastica.
La maggior parte delle fontane veneziane, tutte soggette ad analisi da parte degli operatori Veritas, sono a getto continuo. Questo per evitare che l’acqua si scaldi e che si producano batteri.
Uno spreco? No. L’acqua che non viene utilizzata viene infatti messa nuovamente in circolo.
Diverse fontane sono comunque stagionali
, pronte a esser chiuse con l’arrivo dell’inverno.

Nessun rischio legato alla plastica

Per lo più in ghisa, di forma cilindrica e mai troppo grande, la fontana veneziana eroga quindi acqua microbiologicamente più sicura di quella che beviamo nelle bottiglie di plastica e non inquina, perché l’acqua non è sottoposta a trasporto dagli stabilimenti ai punti vendita né a operazioni di imbottigliamento.
Nessun impatto sull’ambiente, quindi, nessuna plastica da smaltire.

Sorgenti pubbliche: come trovarle?

I veneziani sanno bene dove si trovano le fontane funzionanti. Esistono però delle mappe delle fontane attive in città che chiunque, sul sito di Veritas, può consultare.

 

Mappatura delle fontane veneziane

La mappatura viene aggiornata ogni anno, dopo una ricognizione fatta con l’amministrazione comunale. Qualora ci siano fontane che presentano problemi legati agli scarichi o che necessitano di manutenzioni straordinarie per essere sicure, è preferibile tenerle chiuse se non si riesce a intervenire per tempo e se il numero di quelle attive non risulta inadeguato.

Fontane urbane e utili

L’acqua di Venezia risulta tra le migliori in Italia. Questo è ciò che ai veneziani è sempre interessato maggiormente. Se in città, infatti, le fontane sono numerose, poche di queste hanno però un valore decorativo.
Tutte sono nate invece per rispondere al principio del’utilità. Nonostante le fontane veneziane, sparse tra campi, calli e campielli, siano per lo più sobrie, non si mancherà di notare fra loro qualcuna che, come un vezzo, mostra beccucci ricurvi a forma di testa di drago o di leone o che, con la sua forma a colonna, rimanda all’antica “palina de casada”, il palo da ormeggio che un tempo era riservato agli approdi legati ai nobili palazzi veneziani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter