fbpx

A casa si impara divertendosi. Ecco “Didatticando”

galleria giorgio franchetti

Aumentano le iniziative per intrattenere i bambini

Anche il Comune lancia un’idea rivolta a loro: “inviateci i vostri disegni, decoreremo la città”.

Carta, cartoncino, matite colorate, forbici, colla. Gli strumenti operativi sono semplici e ciascuno di noi li trova in casa. Basta poi un piano d’appoggio e si può dar libero sfogo alla fantasia. Da soli o aiutati dai genitori.
Come trascorrere le giornate in questo periodo di emergenza sanitaria per Coronavirus?
Le scuole e i musei sono chiusi, non si può uscire da casa per evitare il rischio contagio e nemmeno riunirsi con gli amici.
Che fare per non annoiarsi? Sono numerose le iniziative che si stanno sviluppando in città attraverso la rete.  Proposte stimolanti per i bambini arrivano dall’Associazione culturale veneziana “Didatticando”. Scopriamole assieme.

Siete pronti per l’avventura?

Per scoprire come trascorrere qualche ora tra gioco e apprendimento basta digitare www.didatticando.it e cliccare la sezione “Idee”. Si tratta di uno spazio creato per poter allenare la creatività facendo delle attività rimanendo a casa. Qui si trova ogni giorno un’idea nuova da scaricare gratuitamente. E così si può dare il via al divertimento.

Qualche esempio? Prendiamo spunto dai mosaici presenti alla Galleria Giorgio Franchetti per creare un mandala artistico. Il pavimento del palazzo ha tantissimi motivi geometrici che compongono numerose decorazioni. Pronti a disegnare? Il “memory” dell’arte è dedicato a dieci dipinti famosi di dieci grandi artisti. Ci si può divertirsi anche cercando di indovinare al primo colpo la statua mimata dall’avversario o inventando ombre cinesi. E perché non provare a creare un mini cartone animato? “Taumatropio” è un gioco di prestigio che permette di creare con la velocità, un’illusione ottica.

Lo staff dell’Associazione “Didatticando”

“Ogni attività – spiega Chiara Poli, presidente dell’Associazione – è pensata con vari livelli di difficoltà in modo da coinvolgere ragazzi di età che va dall’infanzia a quelli più grandi. I più piccoli possono farsi aiutare dai genitori mentre gli altri potranno mettersi in gioco da soli. In ciascuna applicazione viene suggerito il modo per semplificare l’attività o renderla più difficile in base a chi la svolgerà. In questo periodo ne mettiamo in rete una nuova ogni giorno nel sito internet e attraverso i social Facebook e Instagram”.

“Didatticando” per imparare divertendosi

Anche restando a casa è possibile divertirsi e imparare. Partono da questa considerazione le iniziative che giorno dopo giorno sviluppano le sei ragazze che dal 2012 portano avanti l’attività dell’Associazione “Didatticando”.

“Credo sia importante – sottolinea Chiara Poli – dare ai ragazzi occasioni di stimolo. Abbiamo pensato ad attività capaci di mettere assieme il gioco e l’apprendimento della storia dell’arte. Il tutto attraverso la realizzazione di semplici attività manuali. Un modo per conoscere, anche rimanendo a casa, i luoghi con i quali l’Associazione collabora tutto l’anno. Siamo educatrici museali e abitualmente collaboriamo a Venezia con Palazzo Grimani, la Galleria Franchetti alla Cà D’Oro, il Museo d’Arte orientale, la Biennale, la biblioteca Vez Junior e ludoteche. Oltre all’attività con le scuole del centro storico e terraferma”.

“Coloriamo tutta Venezia”

Coloriamo la città in un momento per tutti non facile. Anche il comune di Venezia pensa ai bambini. A loro in particolare si rivolge il sindaco Luigi Brugnaro attraverso i social, rinnovando l’invito a restare a casa per evitare il rischio contagio. Ai piccoli della Città metropolitana, dalle scuole dell’infanzia alle elementari, il primo cittadino chiede di realizzare un disegno con l’hastag “#andràtutto bene”. Con l’aiuto dei genitori si dovrà poi spedire la foto via mail – con il nome di chi l’ha realizzato e la zona di residenza – all’indirizzo andratuttobene@comune.venezia.it

I disegni ricevuti saranno esposti su palazzi e ponti, alle finestre, nelle piazze. Per colorare la città e lanciare un messaggio di ottimismo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter