Salute +

Coronavirus. I controlli si fanno anche in auto

Coronavirus. I controlli si fanno anche in auto
coronavirus controlli in auto

Controlli rapidi, veloci, sicuri. Controlli che vanno incontro in particolare alle necessità di scuole e famiglie. Perché i tamponi possono essere effettuati senza nemmeno scendere dalla propria macchina.
Una tipologia di controlli che si presenta quindi come particolarmente indicata per chi è sintomatico o è potenzialmente contagiato, come i compagni di classe di uno studente trovato a sua volta positivo.
La strategia di monitoraggio sulla diffusione del coronavirus portata avanti dall’Ulss 3 Serenissima si arricchisce di un nuovo utile strumento: il cosiddetto “drive-through”.

Drive-through: cos’è e dove si fa

L’Azienda sanitaria del Veneziano ha attivato sul territorio 5 punti dedicati a questa tipologia di controlli.
Chi ha diritto all’esecuzione del tampone, può avvicinarsi alle postazioni appositamente allestite per essere sottoposto al test da parte degli operatori sanitari. L’accesso è libero, ma gli utenti hanno a disposizione anche la possibilità di prenotare l’esame su ZeroCode. L’esito del controllo sarà poi scaricabile direttamente online, inserendo il codice consegnato al termine dell’esecuzione dell’esame.

Dei 5 “drive-through”, 4 sono dislocati in terraferma e 1 nella Venezia insulare, al Padiglione Rossi del Lido di Venezia, dove gli operatori sono presenti dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 10. Le sedi di terraferma sono invece attive tutti i giorni. Quella del Padiglione Rama dell’Ospedale dell’Angelo effettua i controlli dalle 7 alle 18. Al Poliambulatorio dell’Ospedale di Dolo e al Presidio di Noale, il drive-through è operativo dalle 7 alle 13 e dalle 14 alle 18. Infine, presso la sede distrettuale di Chioggia i test si eseguono nella fascia oraria dalle 18 alle 19.30.

Controlli drive-through al Padiglione Rama di Mestre

I controlli anti-Covid dell’Ulss 3

L’apertura delle nuove 5 postazioni in sostanza raddoppia l’impegno dell’Ulss 3 sul fronte dello screening territoriale volto a contrastare la diffusione del contagio da Covid-19. Per i rientri dall’estero, il primo punto di controllo è quello che effettua, 24 ore su 24, il tampone naso-faringeo direttamente all’aeroporto di Tessera. I test finora effettuati sono già circa 28.000. A questi vanno aggiunti gli altri circa 6.000 a cui si sono sottoposti i rientranti in Italia nelle 5 sedi territoriali.

Queste sono aperte tutte le mattine, compresi sabato e domenica, dalle 7 alle 13.
Si tratta delle sedi distrettuali dell’ex Giustinian a Venezia, di Favaro Veneto e di Chioggia, del Presidio di Noale e del Poliambulatorio di Dolo.
Qui si effettuano sia i tamponi molecolari, che quelli rapidi e i test sierologici. A questa ultima tipologia di controllo, seguita da tampone in caso di prima positività, vengono sottoposti gli operatori della scuola.
Sono stati già effettuati quasi 9.000 test sul personale scolastico, ma lo screening è ancora attivo.
Le sedi sono a disposizione anche degli altri soggetti che necessitano del controllo. E questo viene effettuato con accesso libero, senza necessità di impegnativa e a fronte della presentazione del modulo di autocertificazione compilato e sottoscritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.