I colori di Mestre. Dalle cromie le nuove valorizzazioni

Viale Garibaldi

Viale Giuseppe Garibaldi e Via Cappuccina pronte per il ritocco. A settembre i lavori.

 

Ci sono colori che  possono migliorare la qualità della vita di un ambiente urbano.
Alcuni provocano allegria, altri donano un senso di serenità e di ordine, altri ancora scatenano passioni. Non è solo questione di gusti.
Una giusta combinazione di colori migliora la percezione degli spazi e può trasformare un ambiente creando un clima ospitale e un’atmosfera armoniosa.
Perché parliamo di colori? Perché saranno i protagonisti dei prossimi interventi che interesseranno le strade di Mestre.

Via Cappuccina e Viale Giuseppe Garibaldi  avranno infatti una loro “logica cromatica”.
Una palette di colori precisa, con piante e fiori combinati in modo tale da risultare fondamentali nella  valorizzazione di due tra le più importanti arterie di Mestre.
Saranno loro, dunque, le pioniere di una nuova fase di interventi che riguardano soprattutto il “parterre”.

I colori di Mestre

Alla base  i colori, certo, ma soprattutto un discorso filologico sui loro nomi.
I colori scelti sono legati infatti a due opere d’arte, il ritratto di Giuseppe Garibaldi del 1861 e l’icona votiva della Madonna del Don che si trova nella chiesa dei frati Cappuccini.

 

Viale Garibaldi: rosso, bianco e grigio

La combinazione cromatica sulla quale giocherà Viale Garibaldi sarà data dall’accostamento di un colore forte e pieno di energia come il rosso melograno con il più pacato bianco, il verde delle foglie e il grigio delle pietre preziose. Una combinazione di colori che funziona durante tutto l’anno e soprattutto in tarda estate e in autunno.  Contrasti forti, che rinviano al celebre ritratto del condottiero dal quale la via trae il nome e insieme alla tradizione. “Sono di fatto i colori maggiormente presenti nei viali storici – spiega l’architetto Claudia Marcon, dello Studio Stradivarie Architetti Associati e F&G  di Venezia – Si tratta di un lavoro di restauro del  paesaggio in cui si è cercato di mantenere ed esaltare la storicità del Viale  con cromie che vanno a sposarsi anche con il generale contesto”.

Via Cappuccina: rosso, giallo e blu

L’intervento su via Cappuccina guarda più alle funzioni urbane e alla sua vocazione contemporanea.
Ci passa il tram, è vicina alla stazione, ha edifici più moderni. Ecco allora che l’intervento di rigenerazione, che riguarda anche il rifacimento di 90 mq di pavimentazione nei colori del grigio e del blu, prevede cromie più brillanti e moderne.

 

Come sarà l’aiuola di via Capuccina, a Mestre

Piante, colori e benessere

Piante e colori quindi per un maggior benessere ambientale e un recupero di aree importanti della città.
I lavori inizieranno tra settembre e ottobre. I Plumbago blu, le gialle khiphofia, le pallide Iris, i Narcisi e i Giacinti, così come le Heuchera Sanguinea o i Tulipani Texas fire sono ora a dimora. Ma sbocceranno a primavera, quando i lavori termineranno, regalando profumi e cuscini dalle cromie particolari.

Arredi e ripristini

In Viale Garibaldi saranno tolte e riposizionate le panchine e i portabiciclette e sarà rifatto l’impianto di irrigazione, che sarà interrato.
In Via Cappuccina buona parte delle aiuole saranno bordate con una piccola recinzione per evitare il passaggio dei pedoni e per tutelare i nuovi innesti. L’intervento è stato finanziato con uno stanziamento di 800 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter