Turismo +

Camminare: l'Italia si scopre a piedi

Camminare: l'Italia si scopre a piedi

Torna domenica 9 ottobre, con la 10^ edizione, la Giornata del Camminare: in città o tra la natura, gli itinerari per conoscere meglio il nostro Paese

30.025 km di percorsi, in parte lungo cammini naturalistici, in parte attraversando borghi e villaggi o persino in città (perché il trekking può essere anche urbano).

La 10^ edizione della Giornata del Camminare, manifestazione nazionale promossa da FederTrek, si svolgerà domenica 9 ottobre 2022, coinvolgendo gran parte delle regioni italiane.

La Giornata del Camminare

La Giornata è da sempre ricca di iniziative di diverso tipo dedicate al “camminare” in tutte le sue diverse declinazioni. In questi ultimi 2 anni di pandemia, ha mantenuto inalterato il proprio fascino, riuscendo persino a incrementare il proprio pubblico, perché proprio durante l’emergenza sanitaria molte persone hanno iniziato a camminare quasi quotidianamente per la prima volta nella loro vita, come attestano i dati che rilevano un 30% in più di appassionati.

“Il viaggiatore più veloce è colui che va a piedi” scriveva Henry David Thoreau, filosofo, scrittore e poeta statunitense che riteneva il cammino l’unico modo per osservare nel dettaglio i luoghi che si attraversano apprezzandone, a ogni passo, le diverse sfumature. “Il camminare non è solo una sana abitudine che fa bene al corpo e allo spirito. Noi di FederTrek crediamo che il camminare sia anche un impegno civile, un gesto naturale che ha la potenzialità di innescare un ciclo virtuoso per un nuovo stile di vita che renda marginale l’uso dell’auto e contribuisca allo sviluppo sostenibile” spiega Alessandro Piazzi, presidente Nazionale FederTrek.

“Il gesto del camminare – prosegue – può mettere in rete tutte quelle realtà che possono diventare motore, stimolo, incentivo per creare sviluppo, lavoro, socializzazione e benessere. In sintesi, un nuovo modello di società, che può portare i suoi benefici effetti anche attraverso un miglioramento della qualità del vivere urbano. Considerare il camminare, nella sua accezione più ampia, come elemento portante di un nuovo concetto di mobilità urbana, vuol dire fare una scelta precisa, come uomini responsabili e coscienti, nei confronti delle future generazioni”.

Roma, il “cuore” della Giornata

Sono tante le originali proposte (alcune con partenza in programma già da sabato 8), per conoscere i territori in modo ecologico e salutare e godersi l’Italia a piedi, dall’Alto Adige alla Sicilia.

“L’evento di punta di quest’edizione – commenta Piazzi – si svolgerà a Roma con partenza da Villa Borghese, location unica da cui si dipaneranno 9 diverse tipologie di trekking urbani. Roma, la città degli echi, la città delle illusioni, la città del desiderio”. Così Giotto definiva la Città Eterna.

In occasione della Giornata del Camminare 2022, la capitale ospiterà, tra gli altri, un “Urban Trek” alla scoperta di alcuni dei misteri che si celano dietro i luoghi più belli e importanti della città: cos’era nell’antichità la terrazza del Pincio? Quale inquietante leggenda si nasconde dietro piazza del Popolo? Quali misteri si celano negli angoli di piazza Navona? Quali segreti nasconde l’isola Tiberina? Questo e tanto altro in una lunga e bella passeggiata nel cuore della città eterna, per riscoprire le sue bellezze, le sue curiosità, i suoi misteri, ma anche per riscoprire il piacere del camminare insieme e in allegria.

Alcune proposte in giro per l’Italia

Tra i innumerevoli eventi che animeranno la Giornata, la Walking Francigena Ultramarathon si svolgerà lungo la Via Francigena, tra Toscana e Lazio, su un percorso che va Siena ad Acquapendente, in provincia di Viterbo. La partenza avverrà da Siena la mattina di sabato e l’arrivo ad Acquapendente nella giornata di domenica, attraversando un territorio ricco di bellezze naturali ed artistiche.

In Calabria il trekking urbano porterà gli escursionisti alla scoperta del borgo di Badolato, in provincia di Catanzaro, tra antiche chiese, scorci panoramici e “pietre parlanti”, tra racconti popolari e storico-culturali del paese. Nel pomeriggio, dopo il pranzo al sacco o in ristoranti convenzionati, i camminatori potranno visitare il Convento francescano di Santa Maria degli Angeli, di fronte all’antico borgo.

Interamente immersa nella natura la proposta del comune abruzzese di Faieto in provincia di Teramo: una giornata all’insegna della riscoperta dei percorsi rurali, con un occhio attento alla tutela dell’ambiente, seguendo il corso del Fiumicello, fino ad arrivare alla Frazione di Casagreca, dove consumare il pranzo al sacco con vista mozzafiato.

A Campobasso, in Molise, i camminatori potranno aderire alla passeggiata storico-culturale alla scoperta degli avvenimenti dipinti da Gian Maria Felice nell’opera “La pace tra Crociati e trinitari”, momento storico fondamentale per la città. Il percorso, che prevede l’ausilio di una guida, si snoderà tra la Cattedrale della SS. Trinità, Santa Maria della Croce, Piazza San Leonardo, la Dogana, San Bartolomeo, San Giorgio e Porta Mancina.

Gli obiettivi di Federtrek

Federtrek – Escursionismo e Ambiente è una federazione di circa 40 associazioni che condividono la stessa missione ed operano in sinergia. Obiettivo: far crescere in Italia una forte consapevolezza di quanto il camminare, in città come in collina o in montagna o al mare, contribuisca a quel benessere individuale e collettivo di cui la nostra società sedentaria ha impellente bisogno. L’intero programma della Giornata del Camminare 2022 si può trovare sul sito: www.giornatadelcamminare.org/

Claudia Meschini

Un commento su “Camminare: l’Italia si scopre a piedi

  1. Molto interessante


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.