Arte al femminile “made in Venezia”

Materiche mostra

Nove galleriste espongono a Mestre, nel Chiostro del Distretto M9, per sostenere l’arte del nostro territorio

Nove personalià e stili artistici diversi di arte contemporanea. Nove donne protagoniste. Un’esposizione di singolari opere negli splendidi spazi del Distretto Museale di Mestre.
Si chiama “Materiche” la mostra proposta da Venice Galleries View in collaborazione con M9.
Creazioni femminili che richiamano i concetti di memoria, tempo, forza, coesistenza, individualità, appartenenza, materialità, realtà, immaginazione.

Materiche mostra
“Materiche”, mostra a Mestre

Una narrazione contemporanea, attraverso i lavori di Mariateresa Sartori, Katarzyn Kozyra, Silvia Levenson, Romina De Novellis, Lore Bert, Silvia Infranco, Margherita Morgantin, Sonia Costantini e Ylenia Deriu, che sarà possibile visitare tutti i giorni (martedì escluso) dalle 16 alle 19.30.

“Materiche” e “Video”

Com’è nata questa mostra e che messaggio vuole trasmettere? «“Materiche” – spiega la gallerista mestrina Marina Bastianello – richiama nel titolo la materia in quanto sostanza primordiale, ma allude anche alla derivazione latina “mater” madre quindi donna intesa come principio, fonte, radice.
L’esposizione si focalizza su un’indagine perenne e inesauribile alla ricerca di un’identità che faccia emergere un “Io” forte e femminile.

La mostra “Materiche” a Mestre

Nell’arte ci sono molti artisti uomini ma altrettante donne da far conoscere e valorizzare. Ecco, quest’esposizione vuole essere una valorizzazione dell’arte contemporanea femminile. Poiché l’emergenza sanitaria Covid-19 ha impedito di aprirla in occasione della Festa della Donna, abbiamo pensato di arricchirla con dei video realizzati durante il periodo di lockdown sul tema “Io resto a casa” e “Guardiamo avanti”. Ogni venerdì, sabato e domenica, per tutta la durata della mostra, dalle 21 alle 23 vengono proiettati sulle pareti del Chiostro».

“Venice Galleries View” per la rinascita valorizzando gli artisti del nostro territorio

«Il territorio veneziano – conclude Bastianello – è fertile dal punto di vista artistico. Nel mio lavoro di continua ricerca di talenti emergenti, sono in continuo contatto con giovani desiderosi di esprimere il loro pensiero attraverso un’opera e dei materiali che possono essere i più vari. Come si dice, l’unione fa la forza. L’associazione “Venice Galleries View”, nata da un’idea della gallerista Alberta Pane, riunisce 9 galleriste veneziane che vogliono dare un segnale di rinascita e forza dopo la pandemia. La forza dell’arte contemporanea femminile e dei giovani artisti del nostro territorio che sono da valorizzare.

“Marina Bastianello Gallery”, Mestre

Stiamo anche pensando a un progetto che vorremmo sviluppare con le Istituzioni locali per far conoscere i talenti emergenti. Oggi sono molti i ragazzi appassionati e desiderosi di esprimere il loro potenziale artistico e ci sono diverse gallerie che fanno ricerca in questo senso. C’è però poi da tener presente che bisogna avvicinarli al contemporaneo perché è un genere di arte che necessita anche di essere spiegata per capire esattamente ciò che ognuno vuole esprimere. Io stessa sono sempre attenta e alla ricerca dei giovani fermenti artistici di casa nostra».

La gallerista mestrina Marina Bastianello

La neonata associazione vuole promuovere il dialogo tra artigiani, imprenditori, operatori vari e artisti nella città di Venezia e nella nostra regione oltre che a livello nazionale e internazionale. Con l’importante obiettivo di  far conoscere il patrimonio artistico del territorio veneziano.

 

 

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: