Ambiente +

Aria condizionata: in auto, mai durante la sosta

Aria condizionata: in auto, mai durante la sosta

Multe salate per chi, in coda nel traffico, tiene acceso il motore

Coda per raggiungere il centro commerciale, decine e decine di auto in fila nelle carreggiate che portano alle spiagge, in montagna, nelle città d’arte.
Nel caldo prematuro di maggio, in molti si sono trovati imbottigliati nel traffico mantenendo acceso il motore per garantirsi l’aria condizionata in attesa di poter nuovamente procedere con il proprio viaggio.
Con il rischio di contrarre una grossa multa.
In virtù di una norma del 2007 contro l’inquinamento e i cambiamenti climatici, infatti, il divieto di tenere il motore acceso durante la sosta del veicolo costa caro: tra i 218 e i 435 mila euro.
Lo stabilisce l’articolo 157, comma 7-bis del codice della strada, che già quando fu approvata la legge recepiva una direttiva europea e che nel tempo è stato aggiornato e mantenuto risultando oggi uno dei più severi, per la sanzione, di tutta l’Unione Europea.
Se infatti anche a Londra, così come a Madrid “è’ fatto divieto di tenere il motore acceso, durante la sosta del veicolo, allo scopo di mantenere in funzione l’impianto di condizionamento d’aria”, nel primo caso è prevista la multa di 20 sterline (poco più di 23 euro) e nel secondo di 100 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.