fbpx

È ripartita la Venezia Airport Reyer School Cup

È la settima edizione, ma l’emozione è sempre la stessa. E, anzi, la partecipazione degli oltre 40.000 ragazzi coinvolti continua a crescere di anno in anno.
La Reyer School Cup 2020, sponsorizzata quest’anno da Venezia Airport, è adesso ufficialmente ripartita. Lo ha fatto con gli incontri della prima tappa (quella denominata Umana-Padova 1). Obiettivo, per i 48 istituti partecipanti, le Final Four del Palasport Taliercio di Mestre, sabato 18 aprile.

Airport Reyer School Cup: un torneo veramente metropolitano

A ospitare la tappa è stata la palestra dell’Istituto Agrario Duca degli Abruzzi di Padova. E il fatto che, per la nuova edizione, si sia partiti da una scuola non veneziana è significativo. L’allargamento progressivo dei confini è infatti uno dei punti di forza del grande torneo scolastico organizzato dall’Umana Reyer Venezia. La società campione d’Italia in carica di basket maschile che, da anni, è ai vertici anche della pallacanestro femminile e giovanile.

Anche quest’anno, vi partecipano istituti scolastici di tutto il Veneto.
6 scuole sono di Venezia centro storico, 9 di Mestre, 4 di San Donà di Piave, 1 di Jesolo, 2 di Mirano e 3 di Dolo, per quanto riguarda il territorio della Città metropolitana di Venezia. Ma ci sono anche scuole trevigiane (5 da Castelfranco Veneto, 2 da Treviso, 1 da Mogliano Veneto e 1 da Conegliano), padovane (6 da Padova, 1 da Camposampiero, 1 da Piove di Sacco, 1 da Abano Terme e 1 da Cittadella) e bellunesi (2 di Belluno, 1 di Feltre e 1 di Agordo).

La tappa Umana-Padova 1

La prima tappa della Venezia Airport Reyer School Cup 2020 ha confermato i punti di forza di questa manifestazione. Ovvero, sano agonismo in campo, tifo caldo e rivalità accese (ma sempre nei limiti di una sostanziale correttezza) sugli spalti. La manifestazione si spinge infatti oltre il semplice evento agonistico. Sono previsti premi anche per l’attività comunicativa e le coreografie, il tifo e il fair play. Tutto quello, insomma, che ruota attorno al parquet e agli atleti. Che restano, ovviamente, il cuore del torneo.

Nel raccontare la prima tappa, allora, è giusto riconoscere i meriti di chi, sul campo, si è più distinto. E parliamo dei padroni di casa del Duca degli Abruzzi (primi a punteggio pieno con la vittoria finale nello scontro diretto per 49-37) e dei ragazzi dell’Istituto Einstein di Piove di Sacco.
Sono questi infatti i 2 istituti che hanno staccato il lasciapassare per la seconda fase, denominata “Reyer Madness”. Sarà questa a designare le 4 squadre che proveranno a succedere nell’albo d’oro al Morin di Mestre. Ma un plauso va anche agli istituti Valle e Belzoni che, pur uscendo dalla manifestazione, l’hanno onorata fino in fondo, contribuendo con il loro impegno alla riuscita della prima mattinata della nuova edizione del torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche: