Turismo +

A Pasqua non si può uscire dalla regione, ma si può andare all'estero

A Pasqua non si può uscire dalla regione, ma si può andare all'estero
viaggi valigia turismo

La lunga lista dei Paesi inclusi nell’elenco C

Viaggiare per turismo? Si può.

A decretarlo è la risposta data dal Ministero dell’ interno a uno specifico quesito posto da Astoi Confindustria Turismo.
Quest’ultima aveva inviato una richiesta di chiarimento al dicastero del ministro Lamorgese circa la possibilità di consentire, nelle zone soggette a restrizioni, lo spostamento di viaggiatori che vogliano recarsi in un Paese estero aperto e “fruibile” per turismo. L’esito, però, non piace a tutti.
Gli alberghi e tutto il sistema dell’ospitalità italiana sono fermi da mesi, a causa del divieto di spostarsi da una regione all’altra. Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia – commenta il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca. Se è vero come è vero che le persone vaccinate o con tampone negativo sono a basso rischio di contagio, allora questa logica deve essere applicata anche ai viaggi in Italia, così come alla possibilità di frequentare terme, impianti di risalita, riunioni, congressi e manifestazioni fieristiche”.

La lista C del DPCM

In base al Dpcm 2 marzo 2021  è  consentito viaggiare per motivi di turismo verso i Paesi inclusi nel cosiddetto “elenco C”.
Che ne comprende ben 32:  Austria , Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca  (incluse isole Faer Oer e Groenlandia) , Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo),  Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo,  Malta,  Paesi Bassi  (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo),  Polonia, Portogallo  (incluse Azzorre e Madeira ), Repubblica Ceca, Romania,  Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano),  Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra e Principato di Monaco.

 

Paese che vai, restrizioni che trovi

Suona come un paradosso in un momento come questo ma i viaggi per turismo nei paesi sopracitati sono autorizzati, purché si esegua un tampone obbligatorio all’andata (se previsto dalle autorità locali di destinazione) e al ritorno, l’eventuale isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria in assenza del test al rientro in Italia, l’autodichiarazione.
Per ogni meta vanno verificati i protocolli di ingresso previsti dai singoli Paesi e, cosa non poco rilevante, quanto valga la pena andare in un Paese dove magari sono in vigore norme restrittive.

Zone rosse: si può andare all’aeroporto o a un punto d’imbarco in un’altra regione?

Se è vero che in base alla lista C c’è il permesso di recarsi per turismo in uno dei paesi della lista, non era altrettanto chiaro se ci si potesse muovere dalla propria abitazione in zona rossa o arancione  per recarsi all’aeroporto fuori comune o in zona gialla fuori regione stante il divieto di uscire dalla propria regione di residenza.
La risposta del ministero dell’interno, stando al comunicato stampa di Astoi, mette nero su bianco la possibilità di spostarsi per poter arrivare al punto di partenza del proprio viaggio.

L’Inghilterra chiude

Di contrasto a questa notizia c’è la decisione forte del Regno Unito che ha ufficializzato oggi il divieto per i cittadini britannici di uscire per motivi essenziali e debitamente giustificati, pena una ammenda di 5000 sterline. Il provvedimento arriva in scia alla stretta ai confini con la quarantena cautelare obbligatoria in hotel sorvegliati per chiunque rientri da viaggi oltre Manica da una trentina di Paesi più a rischio per evitare anche la minima possibilità di importare varianti del coronavirus.

Spagna e Baleari le mete predilette

Nel frattempo, soprattutto dalla Germania, le partenze per le vacanze pasquali sono già iniziate. Tra le mete preferite risultano, in base alle prenotazioni aeree, Madrid e l’isola di Maiorca, dove l’apertura dei locali anche in fascia serale consente un ritorno dalla normalità. Ma c’è anche un’altra forma di evasione concessa: è quella delle crociere, alle quali si può accedere con un tampone negativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Tag:  Pasqua, viaggi