Salute +

Semaforo verde per i monoclonali. UE approva 5 terapie

Semaforo verde per i monoclonali. UE approva 5 terapie
monoclonali

La Commissione Europea ha annunciato che a breve, in tutta Europa, potrebbero esser disponibili cinque trattamenti definiti “promettenti” per contrastare il Covid 19.
Il via libera potrebbe arrivare entro il mese di ottobre.
Quattro delle cinque identificate sono anticorpi monoclonali allo studio da parte dell’Agenzia europea per i medicinali.
La quinta è un immuno-soppressore,  che ha già ricevuto il via libera per trattare pazienti non Covid e che potrebbe ricevere il semaforo verde anche per il Covid.
Soddisfazione è stata espressa da parte della commissaria europea alla Salute Stella Kyriakides che in un Tweet ha definito quello di oggi “un primo passo fondamentale” per autorizzare almeno altre tre terapie entro la fine dell’anno.
“Oggi stiamo facendo il primo passo verso un ampio portafoglio di terapie per il trattamento del Covid-19 – ha detto Kyriakides – Mentre la vaccinazione procede a velocità crescente, il virus non scomparirà e i pazienti avranno bisogno di trattamenti sicuri ed efficaci per ridurre il carico di Covid-19. Il nostro obiettivo è chiaro, puntiamo a identificare più candidati all’avanguardia in fase di sviluppo e ad autorizzare almeno tre nuove terapie entro la fine dell’anno. Questa è l’Unione europea della sanità in azione”.
In Italia sono 6.101 i pazienti Covid che, da metà marzo a oggi, hanno ricevuto cure con anticorpi monoclonali. Autorizzati in via emergenziale, nel nostro Paese sono disponibili dal mese di marzo e riservati a persone particolarmente fragili, con infezione recente da Sars-Cov-2 e senza gravi sintomi.
Secondo quanto emerge dal report di Aifa sugli Anticorpi Monoclonali per Covid 19, la regione che ne ha fatto maggior uso finora è il Lazio, con 823 dosi somministrate, seguito dal Veneto con 786, dalla Toscana con 743 e dalla Puglia con 501.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il campo nome è richiesto.
Il campo email è richiesto o non è corretto.
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.