Italia prima in Europa nel fioretto femminile

Martina-Favaretto-durante-una-gara-di-fioretto
Nella foto in alto: Martina Favaretto impegnata in una gara

Un altro oro per la giovane campionessa di Noale Martina Favaretto

 

Sono tutte d’oro le ragazze italiane della scherma.
Ai Campionati Europei Under 20 che si sono svolti a Foggia hanno infatti conquistato il podio.
Un trionfo tutto azzurro al quale ha contribuito la campionessa di Noale Martina Favaretto, che si è guadagnata anche un bronzo nella gara individuale.
Un buon bottino, anche se Martina, che gareggia per il Circolo Scherma Mestre, puntava a confermare quell’ oro individuale conquistato nella scorsa edizione a Sochi che ancora, a parlarne, la emoziona. “Sono abbastanza soddisfatta di questo risultato – confida– Certo è inutile nascondersi che puntavo all’ oro, però non è facile ripetersi e il bronzo resta comunque un buon traguardo. Sono molto contenta invece per l’oro a squadre, perché l’anno scorso ci siamo dovute accontentare dell’argento anche se meritavamo di più. Quest’anno la stagione in Coppa del Mondo è stata molto positiva, siamo riuscite a prenderci quello che ci spettava”.

La fiorettista Martina Favaretto

L’oro dello scorso anno era arrivato addirittura quando Martina gareggiava in una categoria superiore, visto che non aveva ancora 17 anni: “Lo scorso anno gareggiavo in tre categorie: cadetti, giovani e assoluti. Quest’anno posso disputare gare solo con i giovani o negli assoluti. Si fa esperienza e nella scherma è molto importante -puntualizza Martina- In chi gareggia ai livelli più alti si vedono certi dettagli, certi particolari, che possono fare la differenza. Gareggiare con atlete più grandi di me è un’opportunità importantissima per crescere”.

 

  • Nella scherma si gareggia sia in singolo che in individuale, qual è la competizione che ti piace di più?

Nelle gare individuali l’ansia, almeno per me, è maggiore, perché sei da solo, non hai la squadra che ti supporta. Poi ovviamente anche la posta in palio è molto più importante. Per come è il mio carattere io preferisco le gare individuali. Però le gare a squadre sono molto belle e anche più divertenti, si vede proprio lo spirito di squadra, se una ha un momento di difficoltà e tira male un assalto, la compagna cerca subito di rimediare e rimettere a posto la situazione.

 

  • Nella scherma, e in particolare nel fioretto femminile, l’Italia è sempre ai massimi livelli.  C’ è un segreto della scherma italiana?

E’ vero, la scuola italiana è ai vertici da decenni. Non so se ci sia un segreto. C’è un grande impegno, questo si. E poi abbiamo maestri preparatissimi. Certo altre nazioni stanno crescendo, ma l’Italia rimane certamente una delle nazioni migliori al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter